Dialetto napoletano: l’Accademia della Crusca pubblica il primo vocabolario

0
1289
illiminazione pubblica

Finalmente è stata resa pubblica l’edizione integrale del primo vocabolario del dialetto napoletano. Un’opera composta di quattro volumi e tremila pagine, pubblicata dall’Accademia della Crusca. Dopo essere entrato a far parte del patrimonio UNESCO, ora il dialetto napoletano si avvale anche di un proprio vocabolario.

Ti consigliamo come approfondimento – Arrivano i corsi di lingua napoletana!

Dialetto napoletano: la seconda lingua d’Italia

NapoliNapoli è la città del sole, del mare, dell’arte e in particolare della spettacolare pizza Margherita. Proprio quest’ultima è stata uno dei primi riconoscimenti ufficiali da parte dell’UNESCO. L’arte della pizza è oggi considerata un vero e proprio patrimonio immateriale dell’uomo. A seguire questo primo riconoscimento, per i partenopei ne è arrivato un secondo: quello per il dialetto napoletano, ormai considerato una lingua vera e propria da preservare, la seconda più diffusa in Italia.

Il dialetto è parlato in numerose regioni meridionali. Le sue origini sono molto antiche e hanno vita dalle lingue latine e greche. Sviluppatosi nell’Italia meridionale, con la dominazione spagnola è diventato lingua di corte oltre che dello Stato.

Solo con l’arrivo di Garibaldi e lo sbarco nelle due Sicilie, il napoletano fu accantonato, lasciando spazio a quello che poi diventerà l’italiano, lingua ufficiale nazionale.

Nello scorso secolo il dialetto napoletano ha subito molteplici influenze, riuscendo però a mantenere la sua forma originaria. Così è diventato protagonista di splendide opere artistiche, come le più famose canzoni di Murolo, Pavarotti, Ranieri e Claudio Villa. Quelle stesse canzoni che sono, ancora oggi, canticchiate in tutto il mondo.

Ti consigliamo come approfondimento – Libri, storia di un profumo: ecco perché amiamo annusarli

Il napoletano racchiuso in un vocabolario

dominio pubblicoDopo anni finalmente, racchiuso in quattro volumi e circa tremila pagine, l’Accademia della Crusca, ha finalmente portato a termine il suo lavoro. Il primo vocabolario della lingua napoletana è stato finalmente pubblicato, ed è disponibile a un prezzo di 130 euro.

Principale autore Emmanuele Rocco, vissuto nell’800. I primi due volumi vennero pubblicati quando Rocco era ancora in vita, sotto la stampa dell’editore Chiurazzi. La pubblicazione era poi stata interrotta a causa della morte dell’autore stesso. I suoi eredi però hanno continuato il lavoro, ricominciando proprio dai suoi scritti.

Quella pubblicata dalla Crusca è l’edizione critica del manoscritto di Rocco e delle aggiunte dei suoi eredi (nei tomi III e IV), accompagnata dalla ristampa anastatica del rarissimo volume del «Vocabolario del dialetto napolitano» (nel tomo II).

Ti consigliamo come approfondimento – Sorrento: Elena D’Ambrogio protagonista degli “incontri Tassiani”

L’attuale edizione della Crusca, che prende il nome di “Vocabolario del dialetto napoletano”, contiene un’introduzione che illustra la storia, le peculiarità e il contenuto del vocabolario di Rocco. Oltre al profilo dell’autore, anche la tavola delle abbreviazioni e le note del testo per valorizzare l’opera e la lingua stessa.

A portare a termine il vocabolario è stato il professor Antonio Vinciguerra, storico della lingua e docente nelle Università di Siena e a Firenze.

Vinciguerra ha confermato che all’interno del vocabolario si troveranno significati, etimologie, curiosità e storia delle parole.
“Questo vocabolario è di straordinaria importanza, perché si è riuscito a realizzare un dizionario storico del dialetto, e non un semplice vocabolario per tradurre termini”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici − cinque =