Makka uccise il padre violento, scriveva nel diario: “uomini come lui devono bruciare all’inferno”

0
208

Diario Makka sequestrato dai Carabinieri nell’abitazione della sua famiglia. La ragazza aveva ucciso il padre violento. Scriveva nelle sue memorie: “Chi lo troverà capirà, o io sarò morta, o sarà morto lui”.

Ti consigliamo come approfondimento- Shock a Milano: figlio uccide il padre, corpo trovato disossato e decapitato

Diario Makka sequestrato dai Carabinieri, la ragazza uccise il padre violento

Salerno nipote uccide nonna, Diario Makka sequestratoDiario Makka sequestrato dai Carabinieri. Lo sfogo della ragazza che uccise suo padre violento racchiuso in quattro pagine scritte a mano. Makka Sulaev, 18 anni, giovedì scorso a Nizza Monferrato ha ucciso il padre per difendere la madre dalla violenze. Nel suo diario si legge uno sfogo carico di angoscia: “Spero che tutti gli uomini simili brucino all’inferno. Ho paura che i miei fratelli maschi copino il comportamento di mio padre. Chi troverà questo scritto capirà. O io sarò morta, o sarà morto lui”. Il diario è stato rinvenuto dai Carabinieri durante la perquisizione nell’abitazione della damiglia Sulaev. Makka e la sua famiglia erano arrivate in Italia dalla Cecenia. L’appartamento nel quale risiedevano è modesto e si trova in un piccolo condominio. Secondo le prime ricostruzioni le violenze fisiche e psicologiche erano sempre più frequenti in seno alla famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento- Padre di 86 anni investe la figlia e la uccide: “Non è stato un incidente”

La situazione precipita dopo le minacce alla madre di Makka

bambina seppellita Napoli bambina maltrattata, roma pugile balcone, Bill Cosby aggressione sessuale minorenne, Diario Makka sequestratoLa drammatica sequenza che porta all’omicidio parte quando il padre di Makka, Akhyad, si licenzia improvvisamente per l’ennesima volta e va a comunicarlo alla moglie sul suo posto di lavoro. Inizia così una lite. “Quando vengo a casa ti uccido” l’avrebbe minacciata l’uomo. Poche ore dopo il diverbio diviene violento. Makka interviene quindi per difendere la madre ed è a questo punto che la situazione precipita. Makka prende un coltello da cucina e inizia a colpire il padre per poi chiamare i Carabinieri.

Ti consigliamo come approfondimento- Marigliano, uccide la figlia malata d’Alzheimer e poi si spara: morto anche il padre

L’angoscia e la paura di Makka nel suo diario

rapporti sessuali cyberbullismo stalking violenza sulle donne, donna violentata ascensore, Diario Makka sequestrato“A volte prende mia madre, la trascina di fronte ai miei fratelli maschi e insegna loro come si tratta una donna”. Scrive Makka nel suo diario. La 18enne esprime tra le pagine manoscritte il timore che per questo i suoi fratelli potrebbero diventare come il padre. “Non avrei mai pensato di portare via la vita a una persona. Ma preferisco portarla via a quel c******e prima che lui porti via l’unica ragione della mia vita”. Lo sfogo più imponente lo si trova nelle ultime righe del suo diario ed è scritto in stampatello: “Maschi tossici, mi fate schifo e siete la rovina di tutto e il motivo per il quale il mondo va a puttane”.