Dieta universale: come mangiare più sano per salvare il pianeta

0
60
dieta universale

Spesso si cambia modo di mangiare solo per dimagrire e tornare in forma, ma la verità è che stabilire un regime alimentare corretto è molto importante per la propria salute. Consumare cibi sbagliati, infatti, è causa di molte malattie, come obesità, tumori o malattie cardiache. Per questo motivo, la commissione Eat-Lancet ha proposto una dieta universale, sana e soprattutto sostenibile per l’ambiente. (Leggi anche: Dieta chetogenica, tutti i segreti di una delle diete più apprezzate)

Dieta universale: di cosa si tratta

stress post vacanzaIspirata alla dieta Mediterranea “frugale” tipica della Grecia, la dieta universale prevede l’assunzione di circa 2500 calorie al giorno distribuite in:

  • 230 grammi di cereali integrali;
  • 500 grammi di frutta e verdura;
  • 250 grammi di latticini;
  • 14 grammi di carne;
  • 29 grammi di pollo;
  • 28 grammi di pesce;
  • 13 grammi di uova;
  • 75 grammi di legumi;
  • 50 grammi di noci;
  •  31 di zuccheri.

Leggi anche: Dieta post Natale, come tornare in forma dopo le festività

Per quanto riguarda i condimenti, invece, quelli consigliati sono gli oli vegetali, in particolare extravergine di oliva o colza.

Ovviamente, queste sono le quantità massime per ogni alimento, non la dieta giornaliera da seguire.

Dieta universale: gli obiettivi

dieta universaleLo scopo della dieta universale è molto ambizioso: salvare vite, evitando fino a 11,6 milioni di morti all’anno causati da malattie legate ad abitudini alimentari poco sane. In che modo? Mangiando cibi più sani e limitando il consumo di carni rosse e zucchero del 50% entro il 2050.

Oltre a ridurre i consumi e gli sprechi, gli autori del rapporto hanno fissato dei limiti nell’utilizzo di terra, acqua e nutrienti per la produzione agricola sostenibile.

Inoltre, per raggiungere questi risultati, sono state indicate una grande varietà di aree di intervento. Il tutto attraverso il coinvolgimento di governi, industrie e società: ad esempio l’educazione, le tasse sul cibo e il sostegno economico alla produzione di alimenti sani. Perché mangiare bene sia solo il primo passo di un cambiamento globale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here