Digital Journalism: traduci al meglio la tua impresa sui Social

0
174
digital journalism

Digital Journalism, impossibile farne a meno! “Comunicare. Comunicare. Comunicare.” è la prima vera regola del marketing. Basterà solo questo per poter vincere nella giungla dei Social e della vita reale? Ovvio che no!
Importante, oltre alla comunicazione, è: “Il giusto modo di comunicare”.
Dalla mission, alla vision, alla brand identity, passando per la brand awareness e per la reputation, senza dimenticare lo storytelling ma utilizzando tutti gli strumenti messi a disposizione dal Digital Journalism. (Leggi anche: Smau Napoli 2018: 6° edizione alla Mostra d’Oltremare) Di questo ho parlato in un workshop insieme a Viviana Cianciulli, giornalista e direttore di Informa Press, nell’edizione napoletana della più importante fiera italiana dedicata all’innovazione, lo Smau.

Digital Journalism: la Comunicazione è Comunione

digital journalismCome ho avuto già modo di spiegare nei numeri precedenti, oggi, nel commercio locale e non, vince chi è Social. Ma utilizzare i Social Network (più o meno bene, questo è da vedersi) e tutti gli strumenti della comunicazione digitale basterà per vendere di più?
Domanda retorica, ovviamente. Per comunicare al meglio – e qui sto per regalarti il segreto per vincere con la tua impresa – non devi mai dimenticare che la Comunicazione è Comunione!
Ragion per cui, dove vai se Cross-Media non fai?
Fare Cross-Media significa realizzare campagne di informazione, di promozione, di intrattenimento e di comunicazione in modo “integrato”, utilizzando cioè più media all’interno di grandi progetti editoriali. I Social sono veloci, hanno una platea vastissima di
fruitori, non sfruttarla equivale a fallire o quasi, ma è anche vero che nulla promuove più rapidamente le aziende di una buona storia ripresa dai media. Insomma nulla decreta un professionista come esperto del proprio campo più di una comparsa in TV o di un articolo scritto su di un giornale.

Leggi anche: C’è Local Marketing e Local Marketing: ecco la guida

5 Buone Pratiche del Cross-Media

digital journalismCome fare Cross-Media nel modo giusto? Ecco un piccolissimo vademecum:

1. Content Is King: tutte le aziende possiedono una fonte di conoscenze e di know-how. I contenuti di valore sono la prima merce di scambio con il proprio pubblico.
2. Reputazione con i Media: le testate giornalistiche costituiscono ancora il miglior metodo per costruire la reputazione di un marchio. La credibilità resta sempre più importante della notorietà.
3. Local Strategy: un legame con il territorio dà valore alla comunicazione. L’attenzione e l’interesse del pubblico passano attraverso il racconto di storie legate al territorio.
4. Distinguersi per emergere: la parola d’ordine è “personalizzazione”. Omologarsi significa rendersi invisibili. L’unicità rende originali e quindi distinguibili dai propri competitor e riconoscibili dal pubblico.
5. Il Mondo è su… internet: la rete ha invaso tutto, se non sei online non esisti. Esserci è fondamentale, ma ancor più importante è esserci nel modo giusto!

Come?
Attraverso il Cross-Media!

Per ulteriori informazioni:
Pasquale Incarnato – Digital Strategist
Cell.: 340/2328520
E-mail: info@pasqualeincarnato.it – p.incarnato@modusdigitale.com –
Sito web: pasqualeincarnato.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here