Diritti tv, calcio nel caos. E Sky deve pagare

0
188
diritti tv calciomercato Serie A, super league calcio, la partita evento benefico calcio

Diritti tv, calcio italiano nel caos. Se non bastasse la pandemia da Coronavirus, ci si mettono anche i diritti tv a squarciare in due il mondo del pallone nostrano. Potrebbe essere il Leitmotiv di quella che si preannuncia essere una stagione complessa oltre ogni limite per la nostra serie A. Ma vediamo cosa sta succedendo.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid Italia Lockdown, Speranza e Ricciardi: “Chiudere tutto per un mese”

Diritti tv, serie A: tutti contro tutti

Serie A, diritti tvUn noto proverbio dice che “l’unione fa la forza”. Evidentemente, i club della massima serie nostrana, devono averlo momentaneamente scordato. Dopo aver  messo da parte l’ipotesi del subentro di alcuni fondi d’investimento nel capitale della Lega, nemmeno sui diritti tv per il triennio 2021/24, le Società di serie A, riescono a trovare un punto d’intesa. I club medio piccoli hanno deciso di disertare l’assemblea del 17 febbraio nella quale si sarebbe dovuto votare per la proposta commerciale di DAZN.

Ti consigliamo come approfondimento – Fine Calciomercato: le trattative di Serie A condizionate dal Covid

Diritti tv, cosa offre DAZN

diritti tv, serie AL’offerta di DAZN è pari a 840 milioni di euro e prevede l’esclusiva di 7 sul totale delle 10 gare di ogni giornata calcistica. Sulle restanti tre partite ci sarebbe libertà di contrattazione. Ciò permetterebbe di massimizzare i ricavi avvicinandosi alla cifra complessiva del miliardo di euro. Le big, capitanate da Juventus e Inter, spingono per questa soluzione.

Diritti tv, cosa chiedono le piccole

Serie A, diritti tvPerché Benevento, Bologna, Crotone, Genoa, Roma, Sampdoria, Sassuolo, Spezia e Torino hanno deciso di non presentarsi? La risposta è molto semplice. Vorrebbero monetizzare al più presto l’offerta dei fondi (pari a 1,7 milioni di euro in dieci anni). Offerta che le big, non ritengono più prioritaria. Inoltre, già da qualche anno, le Società minori chiedono una diversa ripartizione dei diritti tv. Maggiore equità e criteri di assegnazione che non favoriscano sempre i soliti noti.

Ti consigliamo come approfondimento – Inter Capolista prima del derby di Milano

Diritti tv, Sky deve pagare (gli arretrati)

serie a calendario 2019/2020, diritti tv
foto dalla pagina fb della Lega Serie A

In tutto questo caos, si va ad inserire la vicenda relativa a Sky. L’emittente satellitare, per il triennio 2021/24, ha fatto un’offerta nettamente inferiore a quella di DAZN. Per accaparrarsi il piatto, aveva proposto il pagamento dei 130 milioni ancora non pagati (oggetto di contenzioso tra Lega e Sky) per la stagione scorsa e un acconto di 375 milioni di euro sul primo anno del nuovo contratto. Peccato, per Sky, che la proposta sia arrivata proprio mentre il Tribunale di Milano dava ragione alla Lega per il contenzioso in essere. Ergo, Sky deve pagare i 130 milioni della scorsa stagione. Subito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 4 =