Disney Pixar e la lotta al bullismo: arriva “Lou”, il nuovo emozionante corto

0
895
Disney Pixar bullismo
Scena tratta dal cortometraggio di Disney Pixar "Lou"

Disney Pixar bullismo – Nel 2017 è stato realizzato in casa Disney Pixar un cortometraggio che non smetterà mai di essere attuale. Si tratta di “Lou” e aiuta a comprendere meglio le dinamiche legate al bullismo. La casa produttrice di film d’animazione ha voluto affrontare una tematica molto delicata. Rivolgersi ai bambini nel modo giusto, in certi casi, può aiutarli a essere ragazzi e adulti consapevoli nel domani.

Ti consigliamo come approfondimento – Aggressione a Torre del Greco di una ragazza trans, le parole del sindaco

Disney Pixar bullismo: il significato della parola “Lou”

Disney Pixar bullismo
Disney Pixar bullismo: Scena tratta dal cortometraggio di Disney Pixar “Lou”

Disney Pixar bullismo – “Lou” è un termine della lingua inglese, ormai in disuso. Significa “psicologo”, ed ha un legame molto importante legato al contenuto del cortometraggio. Il bullismo è una piaga molto diffusa, specialmente tra i bambini e i ragazzi. Dietro ai comportamenti dei bulli, spesso, si nasconde una condizione psicologica molto particolare. Molti di loro hanno subito delle violenze, per cui riescono ad esprimere il proprio disagio comportandosi allo stesso modo.

È per questo motivo che Disney Pixar ha deciso di affrontare l’argomento parlando ai più piccoli. Durante l’infanzia, giustificare degli atteggiamenti aggressivi può essere deleterio. Bisogna, quindi, accertarsi del perché di certe azioni, senza lasciarle passare inosservate. In questo compito così importante e delicato, la Pixar ha saputo raccontare in modo semplice, toccante e inimitabile le dinamiche al di là del bullismo.  

Disney Pixar bullismo – La trama di “Lou”

Disney Pixar bullismo
Scena tratta dal cortometraggio di Disney Pixar “Lou”

Disney Pixar bullismo – Il protagonista del cortometraggio “Lou”, che ha ottenuto una nomination agli Oscar nel 2018, è J.J. Il bambino si comporta, appunto, da bullo nei confronti degli altri bambini della scuola durante la ricreazione. A loro ruba oggetti come bambole, videogiochi, palloni, fa dei dispetti e li fa inciampare. Quando arriva il momento di ritornare in classe, a J.J. viene rubato lo zaino da una creatura insolita, composta da tutti gli oggetti rubati. In seguito, il bimbo comincia a rincorrere lo strano personaggio nel tentativo di riprendersi lo zaino. La creatura, a un certo punto, riesce a bloccarlo e a farlo riflettere sugli errori commessi mostrandogli un pupazzo particolare. Si tratta di un orsacchiotto sulle quali sono incise le iniziali “J.J.”.

È proprio a questo punto che si comprende il messaggio insito nel corto. Al bullo è stato rubato, in precedenza, proprio quel pupazzo. Proprio per questo motivo, per sopravvivere al dolore, J.J. ha deciso di comportarsi allo stesso modo con gli altri bambini. Grazie al gesto della creatura, il bimbo comincia a restituire tutti gli oggetti rubati ai suoi compagni. Man mano che le cose ritornano ai rispettivi proprietari, J.J. si sente sempre più felice e ritrova degli amici perduti. Alla fine del corto, il bambino si ritrova a fissare il proprio pupazzo ritrovato. In quel modo, capisce che le buone azioni possono solo generare del bene.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli set d’incanto: tutti i film e le serie girate all’ombra del Vesuvio

“Piper”: Disney Pixar racconta il coraggio di crescere

Disney Pixar bullismo
Scena tratta dal cortometraggio di Disney Pixar “Piper”

Oltre il discorso “Disney Pixar bullismo”, con altri cortometraggi la famosa casa d’animazione tenta di darci insegnamenti per la vita. Tra questi prodotti c’è “Piper”. Il titolo è il nome del protagonista, un piccolo beccaccino appena nato e uscito dal guscio del suo uovo.

Il volatile si ritrova subito alle prese con le prime azioni ed emozioni della vita. Da subito, rimane affascinato dalle meraviglie della spiaggia del nord della California che lo circondano. Comincia a correre avanti e indietro sulla sabbia, preso da un forte entusiasmo. All’improvviso, avviene il primo impatto traumatico con la vita. Si ritrova, infatti, a combattere con delle onde impetuose, mentre la mamma lo incoraggia a trovare il cibo.
Piper, impaurito, rinuncia a mangiare e torna a rifugiarsi nel suo nido. Poi, poco alla volta, decide di uscire dal proprio covo per affrontare le onde del mare. Così riesce a tirar fuori il coraggio necessario per crescere e andare avanti.

Ti consigliamo come approfondimento – Gomorra 5, grande attesa: continuano le riprese dell’ultima stagione

“Lava”, il corto che celebra la forza dell’amore

Disney Pixar bullismo
Scena tratta dal cortometraggio di Disney Pixar “Lava”

Disney Pixar bullismo, crescita ma anche amore. Il corto “Lava” celebra il bene attraverso la diversità. La storia è ambientata nel bel mezzo dell’oceano Pacifico, milioni di anni fa. Tra le acque sorge un vulcano, solo e triste, di nome “Uku” che canta il suo dolore. La sua paura più grande è quella di non riuscire mai a trovare qualcuno che lo ami per ciò che è.

Con il passare del tempo, si spegne e comincia a sprofondare nelle acque fino a sommergersi completamente. Non sa, tuttavia, che qualcuno lo ha sempre ascoltato nelle profondità dell’oceano. Si tratta di “Lele”, un vulcano sottomarino che riemerge dalle acque proprio mentre Uku scompare. L’amore che Lele porta in serbo, alla fine, aiuta Uku a riemergere grazie ad una grande eruzione vulcanica. Così, i due si ritrovano l’uno accanto all’altro, in un abbraccio lungo un’eternità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 5 =