Ingaggia sicario sul dark web per punire la fidanzata: “Rompile la schiena!”

0
247
donna sicario dark web,

Donna sicario dark web e un ex in cerca di vendetta. Sarebbe dovuto accadere a Roma, su richiesta di un 40enne lombardo dirigente di Enel. La sua richiesta era tanto folle quanto brutale. Sfregiare il volto della sua ex con l’acido e spezzarle la schiena. Per farlo si sarebbe servito di un sicario, ingaggiato tramite il Dark Web. La cifra pattuita era di 10 mila euro in bitcoin divisi in quattro trasferimenti. Fortunatamente per la donna l’uomo è stato intercettato ed arrestato. Tuttavia la ragazza di 27 anni si trova ancora sotto scorta. Non è noto infatti se il sicario ingaggiato abbia ricevuto l’ordine di rinuncia.

Ti consigliamo come approfondimento – Catcalling: le donne dovrebbero essere felici dei fischi in strada?

Donna sicario dark web: I fatti di Roma e le intercettazioni della Polizia

violenza napoli moglie, donna sicario dark web,Entrambi residenti a Roma. Lui, 40 enne lombardo, dirigente di Enel. Lei, 27 anni, dipendente della stessa azienda. Una relazione iniziata nel 2018 e troncata dopo 2 anni dalla donna. Nel tempo trascorso dalla fine della relazione l’uomo a più riprese ha cercato di contattarla. Ottenendo solo rifiuti non tollerati a lungo dal quarantenne. “Volevo farla soffrire così come lei ha fatto soffrire me”. Afferma il dirigente accusato di aver ingaggiato un sicario per vendicarsi. Le Intercettazioni depositate dagli agenti fanno rabbrividire. “Devi buttarle l’acido in faccia ma non devi accecarla”. Oppure “Deve sembrare una rapina, rubale la borsa e poi spezzale la schiena”. Questi gli ordini impartiti ad un sicario italiano trovato sul Dark Web. Ordini pronti ad essere eseguiti in cambio di 10 mila euro.

Ti consigliamo come approfondimento – Come difendersi dalle molestie di strada

Donna sicario dark web: Il sicario online e la situazione della donna

rapinatori rolex, donna sicario dark web,Che il mondo del web non sia un mondo totalmente sicuro è noto a tutti. Meno noto è il fatto che esista un altro web, un web oscuro. Il Dark Web. Su questa piattaforma gli utenti che navigano risultano anonimi. Un luogo di incontro perfetto per malviventi, malavitosi e sicari. Proprio lì infatti il dirigente lombardo avrebbe trovato il suo sicario. Il metodo è piuttosto semplice una volta entrati in contatto. Si pattuisce la cifra e si paga in bitcoin, una criptovaluta impossibile da rintracciare. Meno impossibile è invece per la Polizia risalire a delle conversazioni. Così si è risaliti all’uomo che, dopo l’arresto, nella speranza di una grazia, dice di aver ritirato l’ordine. Tuttavia le Forze dell’Ordine, non avendo la certezza di ciò, hanno posto la donna sotto protezione. Per quanto riguarda il sicario invece, quest’ultimo, non sarebbe ancora stato identificato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque − 3 =