Donnarumma, multa da 10mila euro: offese contro la panchina del Napoli

0
240
donnarumma multa

Donnarumma multa. Una sanzione salata per il 22enne rossonero, dopo gli screzi con la panchina azzurra alla fine della partita Milan-Napoli. Un selfie con il capitano azzurro dopo lo sfogo sembra gettare acqua sul fuoco.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino anti Covid: ecco come ottenere il risarcimento fino a 3000 euro

Donnarumma multa per offese alla panchina azzurra

donnarumma multa
Dal profilo Instagram ufficiale del calciatore

Ben 10mila euro di multa per Gigio Donnarumma, portiere del Milan e della Nazionale, dopo l’agitato finale della partita contro il Napoli al Meazza. “Per avere, al termine della gara, assunto un atteggiamento minaccioso e offensivo nei confronti dei componenti della panchina della società avversaria, a uno dei quali rivolgeva un’espressione insultante; infrazione rilevata dai collaboratori della Procura federale.” Queste le motivazioni del giudice sportivo.

Sarebbero volate parole grosse tra il portiere rossonero e uno dei membri dello staff della squadra partenopea. Un nervosismo che ha portato Donnarumma ad alzare la voce in campo e ad allontanato con forza dai compagni. In un video amatoriale apparso in rete si ascoltava Donnarumma urlare “Siete una banda!” verso la panchina azzurra – in particolare, verso il team manager dei partenopei, Matteo Scala. Una sanzione, quella per il portiere rossonero, che va ad aggiungersi ai due turni di squalifica inferti al compagno di squadra Rebic per proteste.

Ti consigliamo come approfondimento – La Casa di Carta 5 riparte il 7 aprile. Sarà davvero l’ultima stagione?

Insigne prova a smorzare i toni nel dopopartita

donnarumma multa
Dal profilo Instagram ufficiale del calciatore

Nel concitato dopopartita, il 22enne di Castellammare ha dato sfogo alla sua ira, pagandola caramente. Ma cosa ha scatenato reazioni tanto violente nel finale di partita? Molto probabilmente si è trattato del mancato intervento dell’arbitro di gara nei confronti di un’azione sospetta. Il Milan, sotto di una rete contro i partenopei, aveva infatti reclamato per la mancata concessione di un calcio di rigore a partita quasi conclusa: l’intervento di Bakayoko, sia pure lieve, alle spalle di Hernandez non era stato giudicato falloso dall’arbitro. Dopo la partita, un selfie con il capitano azzurro Lorenzo Insigne prova a stemperare la tensione e a far dimenticare una vicenda di gioco poco corretto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 − 12 =