Dottor Peyo: il cavallo che conforta i malati ricoverati in ospedale

0
150
dottor peyo

Il dottor Peyo – come viene affettuosamente chiamato – è un medico molto speciale. Si tratta di un cavallo di circa 15 anni, ex star delle competizioni, con un grande dono. Consola, infatti, i pazienti oncologici di un ospedale di Calais, in Francia. Tutti lo adorano. Ecco la sua storia.

Ti consigliamo come approfondimento – USA, guida per centinaia di chilometri per realizzare desideri di due bimbe

Dottor Peyo: un cavallo dal cuore immenso

Peyo è un cavallo eccezionale. Da giovane ha partecipato a diverse competizioni e spettacolo. Il suo allenatore Hassen  Bouchakor aveva notato che dopo le gare il cavallo sceglieva alcune persone tra il pubblico e restava accanto a loro per un po’. Si trattava di soggetti fragili, da un punto di vista fisico o psicologico. Già da tempo, quindi il dottor Peyo – come verrà poi soprannominato dai pazienti a cui da affetto – aveva dimostrato di avere un cuore enorme.

La straordinaria sensibilità del cavallo ha messo fine alla carriera sportiva sua e dell’uomo che da anni lo segue, per iniziare una nuova vita. Il dottor Peyo ha imparato a segnalare al suo responsabile i pazienti che versano in un particolare stato di fragilità. Gli si avvicina con tutto il corpo e il muro e alza una gamba. In questo modo fa presente che c’è bisogno di cure. 

Ti consigliamo come approfondimento – Bambino vende la sua collezione di carte Pokemon per salvare il suo cane

Dottor Peyo: coccole per i pazienti

SantobonoIl cavallo è da subito diventato il “dottore” più amato e atteso in ospedale. Tutti lo amano, dal personale ai pazienti. Gira per il reparto di oncologia infantile per portare gioia e compagnia ai bimbi ricoverati. Peyo trascorre del tempo anche accanto ai pazienti nel reparto delle cure palliative, confortando le persone e donando loro serenità negli ultimi momenti della loro vita.

“Lo accompagno ma gli lascio fare quello che vuole, è lui che decide”, spiega l’allenatore. Il particolare istinto di Peyo lo ha spinto a fondare, nel 2016, l’associazione “Les Sabots du Cœur”. Questa offre sostegno alle famiglie in difficoltà e contribuisce alle spese funerarie dei pazienti senza famiglia. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

17 − cinque =