Draghi firma il DPCM fino al 6 aprile: chiuse scuole, ristoranti a discrezione

0
108
dpcm 6 aprile
Fonti: Mario Draghi (wikipedia.org), Ministro Speranza (Facebook), Ministro Gelmini (Facebook)

DPCM 6 aprile – Draghi ha ufficialmente filmato il nuovo decreto. Sono state messe in chiaro le misure che dovranno adottare scuole, ambienti di ristoro e varie attività commerciali. Le regole variano a seconda del colore della Regione e del rischio di contagio. Sarà in vigore a partire dal 6 marzo, per la durata di un mese esatto.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid, insegnante deceduta dopo il vaccino: indagini in corso

DPCM 6 aprile: l’assenza di Mario Draghi

draghi premier, governo draghi consultazioni draghi fiducia governo
Foto dal profilo Facebook ufficiale di Mario Draghi

Mario Draghi ha firmato il suo primo DPCM, la cui validità durerà a partire dal 6 marzo fino al 6 aprile. Ricopre, in questo modo, anche i giorni di Pasqua e Pasquetta, che quest’anno cadono il 4 e il 5 aprile. Il documento è stato presentato ieri sera alle 18:45, durante una conferenza. I presenti sono stati Roberto Speranza e Mariastella Gelmini, rispettivamente Ministri della Salute e degli Affari Regionali. Ci sono stati anche Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, e Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità. A mancare all’appello è stato proprio il Premier Draghi, che ha preferito lasciare la parola ai suoi ministri.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi prepara il Decreto Sostegno. Ecco a chi spettano gli aiuti

DPCM 6 aprile: cosa accade in zona rossa e gialla

dpcm 6 aprileIl DPCM 6 aprile si apre con un quesito molto acceso: il divieto d’asporto di bevande. Il nuovo decreto consente il take away fino alle 22, orario del coprifuoco, e non più fino alle 18. Resta vietato il consumo sul posto. Per gli spostamenti ci sono novità. Il divieto di spostarsi fra Regioni e province autonome è prolungato fino al prossimo 27 marzo, con le dovute eccezioni lavorative, sanitarie e di necessità. Per muoversi su scala internazionale, proseguono i voli Covid-tested. Per chi risiede nelle zone rosse o ad alto rischio, oltre alle classiche proibizioni, dovranno chiudere: parrucchieri, barbieri, centri estetici. Chi invece è in zona gialla, non potrà ancora tornare nei centri sportivi. Piuttosto, dal 27 marzo, potrà assistere alle riaperture di:

  • Musei, anche nei weekend e nei festivi, che dovranno garantire un flusso controllato di turisti;
  • Cinema e teatri, con posti contrassegnati per garantire il giusto distanziamento. La capienza massima deve restare pari o sotto il 25%.

Non traspare nessuna novità per le zone arancioni.

Ti consigliamo come approfondimento – Prof negazionista: “L’obbligo di mascherina è una legge fascista!” Multato

DPCM 6 aprile: la chiusura delle scuole

scuola scuole istruzione, graduatorie provincialiSperanza è preoccupato per la minaccia delle varianti, ingigantite dalla loro rapidità di diffusione. La più temibile è quella inglese, che corre maggiormente tra i più giovani. Per questo motivo, è necessario chiudere le scuole di ogni ordine e grado in area rossa. Studenti e insegnanti, quindi, dovranno continuare il proprio percorso in DAD. In proposito alla didattica a distanza, la Ministra Gelmini garantisce dei sostegni concreti nelle risorse. Nelle zone di altri colori, invece, spetta al corrispondente Governatore decidere se chiudere o favorire la didattica in presenza. È consigliabile la chiusura anche per gli istituti in zona arancione. Inoltre, nulla è ancora accertato per quanto riguarda l’allungamento del calendario scolastico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

undici − 5 =