Dpcm Natale: cinema, musei e mostre chiusi fino gennaio

0
347
dpcm natale

Per contrastare la diffusione dei contagi da Coronavirus, su tutto il territorio nazionale restano chiusi musei, mostre, teatri e cinema. A confermarlo è stato il Premier Giuseppe Conte nella diretta da Palazzo Chigi durante la presentazione del Dpcm Natale.

Ti consigliamo come approfondimento – Dpcm: è corsa alle prenotazioni per spostarsi entro il 20 dicembre

Dpcm Natale: continua il lockdown per i luoghi di cultura

dpcm nataleA essere penalizzati ancora una volta sono i luoghi di cultura: mostre, musei e cinema resteranno chiusi fino al 15 gennaio. Ad annunciarlo è stato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante la presentazione del Dpcm Natale. Una notizia prevedibile e già preannunciata dal Ministro per i beni e le attività culturali Dario Franceschini, ospite alla trasmissione Che tempo che fa.

Nel documento si legge quanto segue. “Sono sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura [..] ad eccezione delle biblioteche dove i relativi servizi sono offerti su prenotazione e degli archivi, fermo restando il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica”. 

Ti consigliamo come approfondimento – Natale e nuovo Dpcm un esercito di droni controllerà gli assembramenti

Non solo cinema e musei: ecco i divieti presenti nel Dpcm Natale

dpcm natale Sono sospesi anche gli spettacoli dal vivo e i concerti. Inoltre, tra le altre misure che entreranno in vigore con il Dpcm Natale ci sono:

  • Divieto di spostamenti in entrata e uscita da regioni e/o province diverse dalla propria tra il 21 dicembre e il 6 gennaio;
  • Vietati gli spostamenti anche tra comuni il 25 e il 26 dicembre e il 1° gennaio. È consentito il rientro presso la propria residenza;
  • Sospensione delle crociere (in partenza, in scalo o in arrivo) nei porti italiani dal 21 al 6 gennaio;
  • Apertura dei centri commerciali fino alle ore 21.00. Resteranno chiusi nei giorni festivi e prefestivi;
  • Bar, pasticcerie, pub, gelaterie e ristoranti nelle zone gialle saranno aperti dalle 5.00 alle 18.00.
Ti consigliamo come approfondimento – Diretta televisiva Conte: ecco le norme del nuovo Dpcm 

Settori culturali: è crisi

dpcm nataleIl settore dei beni culturali è allo stremo e il continuo susseguirsi di chiusure non è d’aiuto. Il calo delle entrate sta mettendo a rischio l’intero settore. Nonostante alcuni aiuti da parte del governo nazionale, il settore fatica a risollevarsi. I programmi di sostegno si rivelano inadeguati per un comparto fatto anche di piccole imprese e organizzazioni no profit. Anche i contenuti più innovativi, come le mostre online, hanno visto solo un discreto aumento di entrate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × quattro =