Dpcm novembre 2020, Campania zona gialla: ma De Luca non molla

0
535
Dpcm

Con il nuovo Dpcm Novembre 2020, che entrerà in vigore da domani 6 novembre fino al 3 dicembre, l’Italia intera è stata divisa in tre zone: gialla, arancione e rossa. La Campania, più volte candidata – sia dal sindaco di Napoli de Magistris, sia dal presidente della Regione Vincenzo De Luca – a zona rossa, contro ogni aspettativa è stata classificata come “zona gialla“. A farlo presente è il premier Conte durante la conferenza stampa di ieri, in cui sono stati spiegati tutti i punti del nuovo Dpcm. Sembra però che il governatore non abbia accolto positivamente il bilancio del Governo sulla sua Regione.

Ti consigliamo come approfondimento – Nuovo decreto novembre 2020, arriva la firma di Conte: ecco le nuove misure

Dpcm novembre 2020: l’ira di De Luca

Elezioni Campania de luca de magistris dpcm
Dal profilo ufficiale Facebook di Vincenzo De Luca

Poco dopo la conferenza stampa sul nuovo Dpcm, l’ira di De Luca si scatena su tutti i suoi social, compresa la piattaforma della Regione Campania. Queste le sue dichiarazioni sulle nuove misure varate: “L’ultimo Dpcm stabilisce il blocco della mobilità dalle 22:00 alle 5:00. Sembra francamente che sia una misura più che contro il Covid, contro il randagismo“. E continua: “Ci si domanda inoltre, cosa sia cambiato rispetto ai due mesi passati. Quando il ministro dell’Istruzione ci ha ripetuto che mai e poi mai si sarebbe chiusa l’attività all’interno delle scuole“.

Ti consigliamo come approfondimento – Pomigliano, la prima ordinanza del sindaco Del Mastro contro il Covid

Tra l’altro, i provvedimenti socio-economici richiesti dalla Regione Campania – misure di detassazione, congedi parentali e bonus baby sitter – non sono stati accolti dal Governo. Fermo restando che il presidente della Regione Campania avrebbe preferito misure omogenee su tutta l’Italia. Del resto la diffusione dei contagi – più o meno grave – è sparsa sull’intero territorio nazionale. Proprio per questo De Luca scarica a Conte e a tutta la macchina governativa “La responsabilità sanitaria e sociale conseguente a scelte sempre ritardate, sempre parcellizzate“.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania, arriva la nuova ordinanza: scuole chiuse fino al 14 novembre

E la scuola?

asili nido dpcm
Dal profilo ufficiale Facebook di Vincenzo De Luca

Sembra che sul punto scuola Vincenzo De Luca non voglia mollare la presa. A breve la Regione Campania dovrebbe emanare una nuova ordinanza, più restrittiva del nuovo Dpcm. Difatti, nella “zona gialla” è consentita la didattica in presenza, tranne che per le scuole superiori di secondo grado. A quanto pare invece, il governatore continuerà con la linea più restrittiva in Campania, lasciando chiuse tutte le attività scolastiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 + tredici =