Decreto Sostegno: Draghi prepara tripletta. Cancella Bollo auto, IMU, TARI

0
310
draghi decreto sostegno

Draghi Decreto Sostegno continua ad attirare l’attenzione. Tra le carte in tavola, c’è la possibilità di una triplice cancellazione. Draghi avrebbe intenzione di mettere fine ai debiti emessi dal 2015 che riguardano bollo auto, IMU e TARI. 

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi blocca vaccini AstraZeneca diretti in Australia: “Prima l’Europa!”

Draghi Decreto Sostegno: chi ne beneficia 

mario draghi, draghi decreto sostegno Seppur ancora solo come bozza, la cancellazione di bollo auto, IMU e TARI è una prospettiva fiscale che interessa molti. Questi benefici dovrebbero essere ratificati entro giugno 2021. Tuttavia il paradiso fiscale non sarà per tutti. Secondo le indiscrezioni se la decisione di Draghi passerà, sarà con dei parametri precisi. La cancellazione dovrebbe riguardare l’azzeramento delle cartelle di saldo a partire dal 2015. Il valore del saldo non deve tuttavia superare la soglia dei 5.000 euro. Per coloro che superano questa soglia le regole sono diverse. Oltre i 5.000 dovrebbe scattare una rottamazione, che elimina dal pagamento finale gli interessi e le sanzioni. Seppur non una totale cancellazione, è prevista per questa categoria almeno uno sconto. 

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi prepara il Decreto Sostegno. Ecco a chi spettano gli aiuti

Draghi Decreto Sostegno: quando sarà ufficiale 

Conte Palazzo Chigi, draghi decreto sostegno
Ph: Andrew Medichini

Il nuovo decreto è ancora in fase di preparazione. Anche se adesso si parla solo di bozze, secondo le indiscrezioni queste ipotesi potrebbero plausibilmente essere ratificate. L’ufficializzazione è sempre più vicina. Il via libera dovrebbe arrivare per la settimana prossima, dopo l’8 marzo. Come ha sottolineato nella recente conferenza stampa il ministro Gelmini. “Le risorse ci sono. Il problema è spenderle velocemente.” Il decreto sostegno nasce dalle cenere dell’ex decreto Ristori 5. La bozza di partenza era infatti già stata varata dal precedente governo, ma è stata bloccata dalla crisi. Il governo Conte aveva già stanziato risorse in deficit per 32 miliardi di euro. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 4 =