Draghi ottiene la fiducia al Senato: 262 sì e un discorso che convince tutti

0
165
Whirlpool licenzia Napoli draghi conferenza stampaprotesta

Draghi fiducia Senato quasi record: ben 262 sono stati i voti a favore. Non batte quindi il record dell’Esecutivo Monti che riscosse ben 281 voti, ma supera comunque di 101 voti la soglia minima per raggiungere la maggioranza politica. Solo in 40 sono stati i contrari al nuovo governo. Il nuovo presidente del consiglio dei ministri può contare dunque su un’ampia maggioranza. 

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi, il discorso al Senato: “In Italia forte aumento della povertà”

Draghi fiducia Senato: chi ha votato “No”?

Draghi Forza Italia draghi fiducia senato
Dichiarazione del Prof Mario Draghi al termine del colloqui con il Presidente Sergio Mattarella al Quirinale. (foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Draghi fiducia Senato: chi si è schierato contro? Ad opporsi, ben 15 senatori del Movimento 5 Stelle (e 8 non hanno partecipato alla votazione). Tra l’altro, il capogruppo del M5S a Palazzo Madama, Ettore Licheri, avverte Draghi di non contarci troppo: “Il sì del M5s non sarà mai incondizionato. Sarà un sì vigile, direi guardingo. Non dia mai per scontato il nostro sì perché noi, mi permetta questa licenza verbale, le romperemo le scatole”.

In aggiunta, fra i contrari, ci sono 19 parlamentari di Fratelli d’Italia. Praticamente, tutti i componenti del gruppo a Palazzo Madama. Di seguito l’annuncio: “Il gruppo di FdI non voterà la fiducia e lo farà in modo ancora più convinto dopo le sue comunicazioni, molto vaghe, senza nulla sulla giustizia, sulla web tax, nulla sui ristori“.

Ti consigliamo come approfondimento: Draghi e la crisi in Forza Italia, Berlusconi: “Avevo indicato Tajani”

Draghi fiducia Senato: il discorso che ha conquistato tutti

draghi premier, governo draghi consultazioni draghi fiducia governo
Foto dal profilo Facebook ufficiale di Mario Draghi

Visibilmente emozionato, tanto da sbagliare qualche numero sulla pandemia, il nuovo premier fa un discorso lungo ben 53 minuti al Senato. Il richiamo all’unità di tutte le forze politiche è chiaro: “L’unità non è un’opzione, è un dovere“. “Il primo pensiero che vorrei condividere – comincia Draghi – riguarda la nostra responsabilità nazionale, il principale dovere a cui siamo chiamati tutti, io per primo“. Il premier continua, facendo appello alla necessità di: “Combattere con ogni mezzo la pandemia e salvaguardare le vite dei cittadini. Una trincea dove combattiamo tutti insieme. Il virus è nemico di tutti”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici − 6 =