Draghi firma lettera con leader europei: “Rispetto e tolleranza per la Lgbt”

0
135
draghi lettera unione europea

Draghi lettera Unione Europea, firmata dai leader d’Europa in difesa dei diritti della comunità LGBT. Il contenuto è indirizzato all’Ungheria, che recentemente ha espresso la propria intolleranza verso la comunità, vietando la trasmissione di alcuni film e serie TV. “Il cambiamento di genere e l’omosessualità non devono essere messi a disposizione delle persone di età inferiore ai diciotto anni”. Questo è stato il messaggio dell’Ungheria.

Ti consigliamo come approfondimento – Ungheria bandisce ‘Harry Potter’ dalla TV: “Promuove l’omosessualità”

Draghi lettera Unione Europea: la legge dell’Ungheria contro i gay

harry potter vietato ungheria
Fonte: pagina Facebook di Daniel Redcliff

Una stazione radiofonica ungherese ha recentemente rilasciato una comunicazione scioccante. “Al fine di garantire la protezione dei diritti dei bambini, la pornografia e i contenuti che raffigurano la sessualità fine a se stessa o che promuovono la deviazione dall’identità di genere, il cambiamento di genere e l’omosessualità non devono essere messi a disposizione delle persone di età inferiore ai diciotto anni.” Si tratta di una legge rilasciata dal partito politico d’estrema destra Fidesz e condivisa dal Presidente Viktor Orban. Riguarderebbe programmi televisivi e serie TV di una certa notorietà, come ‘Harry Potter’, ‘Il diario di Bridget Jones’, ‘Billy Elliot’ e tanti altri.

Ti consigliamo come approfondimento – Ddl Zan finalmente calendarizzato al Senato: 13 a favore e 11 contrari

Draghi lettera Unione Europea

draghi lettera unione europea
Fonte: profilo Twitter del Palazzo Chigi

In proposito, l’Unione Europea ha deciso di comunicare il proprio pensiero all’Ungheria, Stato membro. “In occasione della giornata dell’orgoglio LGBT, il 28 giugno, e alla luce delle minacce contro i diritti fondamentali, ed in particolare il principio di non discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale, esprimiamo il nostro attaccamento ai nostri valori comuni fondamentali. Sarà un giorno per ricordare che siamo società diverse e tolleranti, impegnate nel libero sviluppo della personalità di ciascuno dei nostri cittadini. Incluso il loro orientamento sessuale e identità di genere. Sarà inoltre un momento per celebrare che, negli ultimi anni, abbiamo fatto una lunga strada a favore di questi principi. Li riteniamo essere il fondamento dell’Unione Europea.” Tale lettera è stata firmata da:

  • Belgio;
  • Cipro;
  • Danimarca;
  • Estonia;
  • Finlandia e Francia;
  • Germania e Grecia;
  • Irlanda;
  • Lettonia e Lussemburgo;
  • Malta;
  • Olanda;
  • Spagna e Svezia.

Anche l’Italia si è unita al messaggio di gruppo; il Premier Mario Draghi ha aggiunto la propria firma all’ultimo secondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − 1 =