Draghi salva Napoli? Firmato il patto con Manfredi ma è subito polemica

0
314
draghi napoli,

Draghi Napoli, il Premier potrebbe salvare il capoluogo campano. Tutto ora dipenderà dall’amministrazione e da come verrà gestita l’iniziativa. Mario Draghi intanto ha fatto il possibile per cercare di colmare il divario tra Napoli e altre realtà come Milano, Torino, e co. Ha infatti stanziato 1,231 miliardi a fondo perduto, da erogare fino al 2042, per il capoluogo campano. L’accordo, rinominato “Patto per Napoli” è tra lo Stato e il comune in questione. Servirà per rilanciare investimenti come quello sul piano delle infrastrutture e delle imprese. A Manfredi, Sindaco di Napoli, l’arduo compito di iniziare il progetto. I fondi ci sono, le idee anche, bisogna però realizzarle.

Ti consigliamo come approfondimento – Draghi vuole abbassare i costi di gas e benzina: la Germania si oppone

Draghi Napoli: il patto tra Stato e Comune per salvare il Sud

stato di emergenza draghi, draghi senato, sputnik draghi, tar Lazio scuola, obbligo vaccini sanitari, cashback sospeso, riforma giustizia processo penale dl green pass obbligatorio, draghi napoli,Da quando si parla di PNRR, Mario Draghi ha sempre evidenziato l’importanza di questi fondi per colmare il divario tra Nord e Sud. Sin dal principio aveva parlato di una larga parte di fondi che sarebbero stati destinati al meridione. L’obbiettivo? Ripartire senza differenze nelle infrastrutture, nei trasporti, nelle imprese, nel lavoro. Quello di oggi, sancito dal Patto per Napoli, è la prima prova che mantiene fede alle sue parole. Sono 1,231 i miliardi destinati esclusivamente a Napoli, tutti a fondo perduto, per cui il comune non dovrà rimborsare nemmeno un euro allo stato. Saranno distribuiti in tranche annuali fino al 2042. Una grande occasione per ripartire. Soltanto tra il 2022 e il 2026 arriveranno circa 486 milioni, ovvero il 40% del contributo totale. Un’occasione che ora Manfredi, Sindaco di Napoli, deve cogliere al volo. Non può sprecarla assolutamente, ne vale il destino di Napoli e con esso, del meridione tutto.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, nuova inchiesta sul Reddito di Cittadinanza: scoperti 20mila abusivi

Draghi Napoli: le parole del Premier e del Sindaco

Link Napoli, draghi napoli,
Dal profilo Facebook ufficiale del Ministro Manfredi

I comuni sono al centro della prospettiva di sviluppo che abbiamo per l’Italia” introduce il Premier Mario Draghi. “Il governo vuole metterli in condizione di poter programmare con maggiore serenità la crescita delle loro comunità” afferma poi. “Il Patto per Napoli coincide con il programma di investimenti più significativo nella storia recente del Mezzogiorno”. Poi prosegue: “L’obbiettivo del piano è colmare i divari territoriali, ormai insopportabili. Il reddito pro capite del Mezzogiorno è poco più della metà di quello del Centro-Nord e il tasso di occupazione è più del doppio” evidenzia. “L’Italia tutta ha bisogno che Napoli e il Mezzogiorno siano un motore del Paese” conclude. “La firma del Patto per Napoli rappresenta un momento fondamentale per il rilancio e la costruzione di un futuro migliore per la nostra città”, afferma poi il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi.

Ti consigliamo come approfondimento-Reddito di Cittadinanza, truffa da 60milioni: postati video su TikTok

Draghi Napoli: le contestazioni contro il Premier

basilica della pietrasanta, draghi napoli,
Foto da Wikipedia

In pochi ma abbastanza rumorosi, erano i contestatori che hanno accolto il Premier Mario Draghi al Rione Sanità. Un gruppo di disoccupati appartenenti al collettivo 7 Novembre che protestava contro l’aumento delle spese militari e le armi inviate in Ucraina. Quest’ultimi hanno infatti esposto uno striscione quando il Presidente del Consiglio è arrivato alla sanità. “Meno soldi per gli arsenali, più soldi per gli ospedali” recitava quest’ultimo. Poi, hanno inveito contro il sindaco Manfredi. Alcuni di loro hanno addirittura tentato di aggredirlo ma sono stati prontamente fermati dalla polizia. Le contestazioni sono avvenute a 200 metri dalla piazza della Basilica. Qui infatti si erano riuniti una cinquantina di manifestanti con fumogeni e slogan contro Draghi e il Governo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno + 5 =