Due giorni in più di assenze giustificate per le studentesse: arriva il “congedo mestruale”

0
631
Assenze giustificate mestruazioni

È stato istituito il congedo mestruale per le alunne: due giorni al mese di assenza giustificata in caso di dolori molto forti. Le ore non saranno calcolate sul massimo consentito per la validità dell’anno scolastico. La decisione è stata presa, per prima, dal liceo artistico “Nervi-Severini” di Ravenna. Molto probabilmente, è la prima volta che un’iniziativa del genere viene presa in Italia. Questa delibera è stata approvata qualche giorno prima di Natale dal Consiglio di Istituto nel ravennate.

Ti consigliamo come approfondimento – Profezie Nostradamus: possibile Terza Guerra Mondiale e morte del Papa

Assenze giustificate mestruazioni: due giorni di assenze in più al mese

Assenze giustificate mestruazioniAssenze giustificate mestruazioni – La novità è arrivata dalla città di Ravenna, precisamente dal liceo artistico “Nervi-Severini”. Qualche giorno prima di Natale, con dieci voti favorevoli e tre contrari, il Consiglio di Istituto ha approvato una nuova delibera. È stata così introdotta una nuova specifica deroga al numero di assenze per tutte le ragazze della scuola. Si tratta dell’introduzione di due giorni di assenza in più giustificate per i dolori mestruali. Quindi, si può parlare di un vero e proprio “congedo mestruale”.

In questo modo, le ore di assenza in più non andranno a gravare sul massimo consentito per la validità dell’intero anno scolastico.

La novità arriva proprio in aiuto a tutte quelle studentesse che, durante il periodo mestruale, soffrono di dolori molto forti. Ovviamente, in caso di assenza, è necessaria la presentazione della giustificazione da parte dei genitori attraverso il libretto digitale.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania, parrucche gratis per le donne malate di cancro: bonus fino a 400 euro

Assenze giustificate mestruazioni: la dismenorrea deve essere certificata

Assenze giustificate mestruazioniAssenze giustificate mestruazioni – La delibera approvata si integra all’articolo 12 del regolamento del Consiglio d’Istituto. Viene così introdotta “la malattia o visita specialistica attestata da certificato medico, da prodursi subito dopo le assenze”.

I due giorni di assenza, per poter essere certificati, necessitano di essere supportati da una diagnosi medica di dismenorrea. Si tratta di un dolore uterino che insorge durante i primi due o tre giorni delle mestruazioni e che diventa realmente invalidante per molte donne. Tende a scomparire con il diminuire del flusso mestruale.

La promozione delle competenze di cittadinanza, che costituisce uno degli obiettivi formativi delle scuole, passa anche attraverso il recepimento delle legittime istanze degli studenti messi nelle condizioni di appurare come i problemi possano essere gestiti attraverso un processo democratico che si realizza all’interno degli organi collegiali”. Così ha dichiarato il preside del liceo, Gianluca Dradi. Il dirigente, in questo modo, ha voluto far presente che la proposta è approdata in Consiglio di Istituto grazie alla voce dei rappresentanti degli studenti.

Il certificato medico che presenteranno le studentesse, attestante la dismenorrea, avrà validità di un anno. Una volta attestata la sindrome, potranno essere riconosciuti i due giorni di assenza in più giustificati.