Earth Hour: a Napoli e nel mondo un’ora di buio per salvare il pianeta

0
260
Earth Hour

Sabato 30 marzo si celebrerà la dodicesima edizione dell’Earth Hour (l’Ora della Terra). Si tratta di una mobilitazione globale per la lotta al cambiamento climatico, promossa dal WWF Internazionale (Leggi anche: Global Strike for Future, Napoli in piazza contro il riscaldamento globale). L’Earth Hour si basa sulla significatività di un semplice gesto: spegnere per un’ora le luci di case, edifici, monumenti e piazze. La prima edizione, nel 2007, coinvolse la sola Sidney. Col tempo l’iniziativa si è diffusa, lasciando al buio Roma, Parigi, Rio e tante altre città e monumenti.

Earth Hour 2019: sensibilizzare per cambiare il mondo

earth hourIl cambiamento climatico è una delle grandi priorità ambientali e sfide future che il genere umano dovrà affrontare. Earth Hour è un’occasione per sensibilizzare e catalizzare l’attenzione di cittadini e istituzioni di tutto il pianeta. 60 simbolici minuti di buio in Italia e nel mondo, in programma tradizionalmente l’ultimo sabato di marzo.

Il WWF invita a spegnere tutte le luci dalle 20.30 alle 21.30 di sabato 30 marzo. L’evento centrale di Earth Hour 2019 si terrà a Matera, ma saranno tantissime le città italiane a spegnersi per l’Ora della Terra. Per l’occasione Napoli spegnerà le luci del Maschio Angioino, del Castel dell’Ovo e del Municipio. Nella provincia rimarranno al buio anche Piazza Sant’Agnello e Piazza Matteotti a Sorrento e Piazza de Marinis a Poggiomarino.

Leggi anche: Trash Challenge, la sfida social che ripulisce il mondo

Earth Hour a Napoli

Earth HourOltre a spegnere le luci dei tre monumenti della città, WWF Napoli promuoverà una manifestazione cittadina invitando tutti i napoletani a lanciare il proprio appello per il clima. In Piazza Municipio sarà allestito un apposito spazio da cui cittadini e associazioni potranno lanciare il proprio appello per la difesa della terra. Tra i presenti: l’assessore all’ambiente Raffaele Del Giudice; il prof. Gennaro D’Amato, presidente di World Allergy Organization; la campionessa di apnea in assetto variabile (con tanto di record del mondo) Mariafelicia Carraturo e l’alfiere della Repubblica italiana Anna Balbi. Testimonial d’eccezione Pulcinella. Elimad Laubab si esibirà in “Magie di Fuoco”. Tante le associazioni che hanno risposto all’invito del WWF.

Operiamo spesso, anzi quanto più possibile, in sinergia con le realtà del territorio che hanno a cuore l’ambiente e il rispetto del patrimonio naturale e cittadino. Per questo cogliere l’appello del WWF è stato naturale! In quell’occasione agiremo con un’operazione di clean up dell’area e ovviamente ci saremo per l’ora della terra!” ci racconta Retake Napoli.

Guido Liotti, presidente di Lo sguardo che trasforma e membro dell’ufficio di presidenza di Gente Green, ci ha descritto l’intervento delle due associazioni. “Gente Green ha una dimensione di ambientalismo tecnico, che dialoga anche la politica. Con WWF e Legambiente c’è un rapporto di rete consolidato, soprattutto sulla questione del climate change.
Lo sguardo che trasforma collabora con il WWF sotto un altro aspetto. Non si occupa nello specifico del climate change ma del paesaggio urbano. Organizza eventi-spettacoli, stimolando il recupero del senso di appartenenza.
Saremo tutti in Piazza Municipio. Ci sarà uno speaker corner per coloro che vorranno intervenire.
Gente Green farà un intervento un po’ più tecnico, mentre Lo sguardo che trasforma curerà un momento di animazione legato al tema
”.

Un evento da non perdere, per noi e per la salute del nostro pianeta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here