Egitto, scoperta necropoli con 35 mummie: è un ritrovamento eccezionale

0
613
Egitto

Ad Assuan, in Egitto, è stata scoperta un’antica necropoli. All’interno sono state ritrovate circa 35 mummie, diversi sarcofagi e vari materiali funebri, databili tra il VI secolo a.C. e il IV secolo d.C.

Leggi anche – Dinosauri: in Argentina scoperti fossili di 220 milioni di anni

Egitto: cosa accadeva in antichità ai defunti

EgittoNell’Antico Egitto, la mummificazione non era un processo riservato ai soli esseri umani. Sono state infatti ritrovate varie mummie di animali, come quelle di gatti o cani. Con il processo della mummificazione, gli antichi egizi, preparavano il cadavere per il suo sonno eterno. Ciò che si voleva era garantire che l’anima del defunto potesse vivere oltre la morte del suo corpo.

Gli scavi, diretti da Patrizia Piacentini, docente di Culture del Vicino Oriente Antico, del Medio Oriente e dell’Africa dell’Università di Milano, insieme a Abdelmanaem Said, del ministero delle Antichità egiziano, hanno riportato alla luce una necropoli antica, che ha ricondotto alla scoperta di circa 300 tombe.

Leggi anche – Vesuvio, modifiche al piano di evacuazione: gli sfollati restano in Campania?

Cosa è stato ritrovato nella necropoli?

EgittoLa necropoli presenta una stanza funeraria principale e una laterale. Nella stanza principale sono state ritrovate circa 30 mummie ben conservate, tra cui anche quelle contenenti i corpi di alcuni bambini. Nella nicchia laterale è stata inoltre ritrovata una barella in legno di palma e lino utilizzata per depositare i cadaveri nella tomba.

Riguardo il corredo, sono stati ritrovati:

  • Vasi, contenenti bitume per la mummificazione;
  • Cartonnages, maschere funebri fatte col papiro;
  • Una statuetta in legno, su cui è dipinto il l’uccello-Ba, simbolo dello spirito del defunto.

Nella stanza funeraria laterale sono state ritrovate invece altre 4 mummie. Al loro fianco vasi contenenti ancora resti di cibo, necessari per accompagnare il defunto durante il suo viaggio.

Particolare è stata la scoperta di due corpi sovrapposti, probabilmente una madre con suo figlio. Un altro sarcofago era invece stato scavato direttamente nel pavimento roccioso. La scoperta è destinata a cambiare molto di ciò che sappiamo sul mondo egizio ed è destinata a impegnare gli studiosi per diversi anni. L’analisi delle tombe è solo all’inizio e le sorprese potranno essere moltissime.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciotto − 14 =