Election day, si va verso il sì: Italia al voto il 20 settembre?

0
495
sistema elettorale americano election day elezioni

Le elezioni regionali e amministrative 2020 (inizialmente previste tra maggio e giugno ma rinviate a causa del Coronavirus) si terranno, secondo fonti Ansa, il 20 settembre. Il turno di ballottaggio per le amministrative sarà previsto per il 4 ottobre. Accorpato alle elezioni anche il referendum sul taglio dei parlamentari. Dunque ci aspetta un grande election day italiano.

Ti consigliamo come approfondimento – Maturità 2020: tutti gli aggiornamenti verso il maxi colloquio

Election day del 20 settembre: conferme dal governo

election dayPiovono conferme a seguito della riunione a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia. Il sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno Achille Variati specifica: “Sentite anche le regioni, avremmo ipotizzato di passare dal 13 e 14 settembre al 20 e 21 settembre

Superate quindi le obiezioni del Comitato tecnico scientifico, che suggeriva di non arrivare a votare a ottobre, perché il virus con temperature più calde è meno aggressivo. Deluse anche le attese di alcuni Governatori – su tutti quello campano Vincenzo De Luca – che sparavano nel voto già a luglio. Addirittura pochi giorni fa, Michele Emiliano aveva invocato l’intervento di Sergio Mattarella. “Credo sia opportuno un intervento del presidente della Repubblica, custode della Costituzione

Elezioni che si preannunciano, come sempre, infuocate!

Election day: le regioni interessate

Autonomia election dayI cittadini saranno chiamati a eleggere il nuovo presidente in sei regioni:

  • Veneto e Campania dove gli attuali presidenti Luca Zaia (Lega) e Vincenzo De Luca (PD) sono i grandi favoriti per la rielezione. In loro aiuto anche il grande lavoro svolto nel contenimento del Coronavirus nelle rispettive regioni;
  • In Puglia sono ancora diversi gli interrogativi. L’unica certezza al momento è rappresentata dalla ricandidatura dell’attuale governatore di centrosinistra Michele Emiliano;
  • Nelle Marche non si ripresenterà l’attuale presidente Luca Ceriscioli;
  • Stesso discorso per Enrico Rossi in Toscana dove il centrosintra punterà su Eugenio Giani;
  • In Liguria, infine, punta a una conferma il leader di Cambiamo, Giovanni Toti;
  • Per ultima si è aggiunta anche la Valle d’Aosta dopo le dimissioni dell’ex presidente Antonio Fosson per via di un’inchiesta sulla ’ndrangheta.

Per le elezioni amministrative, invece, clicca QUI per controllare tutti i comuni chiamati alle urne.

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca come Super Mario: il web impazzisce per il nuovo videogame

Si vota anche per il referendum sul taglio dei parlamentari

Elezioni europee voto election dayI cittadini saranno chiamati a esprimere il consenso verso la riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari, che ha modificato in maniera sostanziale l’assetto del Parlamento stabilito dagli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione. La riforma costituzionale riduce i deputati da 630 a 400 e i senatori da 315 a 200. L’istituto dei senatori a vita è conservato fissandone a 5 il numero massimo; finora invece 5 era il numero massimo che ciascun presidente poteva nominare. Ridotti anche gli eletti all’estero: i deputati scendono da 12 a 8, i senatori da 6 a 4.

Il testo del quesito referendario è il seguente:

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n. 240 del 12 ottobre 2019?».

A differenza dei referendum abrogativi, per la validità del referendum costituzionale non è obbligatorio che vada a votare la metà più uno degli elettori aventi diritto: la riforma costituzionale sottoposta a referendum non è promulgata se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi, indipendentemente da quante persone si recano ai seggi. In altre parole, se i “sì” superano i “no”, il taglio dei parlamentari verrà confermato. Viceversa, se i cittadini italiani dovessero esprimere un voto contrario alla riforma, tutto resterà invariato. Dunque, nessun quorum!

Election day – I governatori non si arrendono: “subito al voto

voto election day
Foto da adirai.it

Dunque tutto deciso? Assolutamente no! Quando sembrava fatta, la forte volontà dei governatori di votare quanto prima, sembra aver messo nuovamente tutto in discussione. Infatti l’approvazione del decreto che doveva rinviare all’autunno il voto prevista per il 28 maggio, è stata rinviata. Se ne discuterà l’8 giugno!  I governatori ribadiscono con fermezza il loro no al voto autunnale. “Se non si vota a fine luglio, sarà alla prima data utile“, dice Toti. Zaia: “Non si rispetta la Costituzione“. In discussione anche il voto del referendum nella stessa data di regionali e amministrative. Ci sarà un incontro fra il premier Conte e il comitato promotore del referendum: “Non si possono abbinare due voti di natura diversa”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here