Elezioni europee: ecco come e quando si vota!

0
707
Elezioni europee

Domenica 26 maggio, dalle ore 07:00 alle ore 23.00, i cittadini italiani saranno chiamati al voto per eleggere i propri membri al Parlamento europeo. Con l’Europa che rischia di spaccarsi tra progressisti e sovranisti, ecco una guida su come si voterà in queste Elezioni europee 2019 (Leggi anche – Come l’Europa aiuta i giovani!).

Elezioni europee 2019: l’Italia al voto

ElezioniAlle elezioni potrà votare chiunque abbia compiuto 18 anni. Bisogna recarsi nel seggio di iscrizione, corrispondente alla sezione del proprio luogo di residenza. Sezione, numero e indirizzo del seggio sono riportati sulla tessera elettorale. Per votare, oltre alla tessera elettorale, è necessario anche un documento d’identità.

Ma come si vota?

L’elettore dovrà tracciare una croce sul simbolo della lista che ha scelto e può anche indicare fino a tre preferenze. Per farlo si dovrà scrivere il cognome o nome e cognome dei candidati che intende votare. Naturalmente i nominativi dovranno essere tutti della lista votata. Attenzione, però, alla preferenza di genere! Se si esprimono 2 o 3 preferenze, queste devono riguardare candidati di sesso diverso. Se cosi non fosse, verrà considerata valida solo la prima preferenza. Le altre saranno eliminate.

Alle Elezioni europee si vota con un sistema proporzionale che non prevede coalizioni. Chi prende più voti avrà più seggi. La soglia di sbarramento per accedere al Parlamento europeo è fissata al 4%.

L’Italia deve eleggere 73 membri dell’Eurocamera. Nel caso caso la Brexit scatti prima del 2 luglio, diventeranno 76.

Leggi anche – Europa quasi gratis: le 12 mete più economiche del Vecchio Continente 

Elezioni europee 2019: modalità di voto elettori ricoverati o con gravi disabilità

Informazioni utili per il voto di elettori ricoverati o con gravi disabilità.

  • Per gli elettori con gravi difficoltà di deambulazione o non vedenti, i comuni mettono aElezioni europee disposizione un servizio gratuito di trasporto ai seggi;
  • Gli elettori affetti da gravissime infermità, per cui non possono lasciare la propria abitazione, potranno votare nel proprio domicilio;
  • Per gli elettori ricoverati che non possono lasciare l’ospedale, la casa di cura, le case di riposo e i centri di recupero per tossicodipendenti, è prevista la possibilità di votare nel luogo in cui si trovano;
  • Il voto assistito è previsto per gli elettori affetti da grave infermità fisica che non possono esercitare autonomamente il diritto di voto. Per questo hanno bisogno dell’assistenza di un altro elettore per esprimere il loro voto. In questo caso possono entrare in cabina con un accompagnatore, che può essere un familiare o un altro elettore iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi comune italiano

Elezioni europeeIn tutti questi casi è necessario richiedere un certificato medico presso le Usl o presentare domanda all’ufficio elettorale del comune di residenza.

Sconti biglietti treni, aerei e traghetti

Per chi dovesse raggiungere il proprio comune di residenza per votare, sono previste agevolazioni tariffarie fino al 70%.  È possibile reperire informazioni precise sui siti delle varie compagnie di trasporto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × quattro =