Elezioni 2020: come votare nel modo giusto?

0
209
referendum elezioni election day Ciro campana Autonomia election day

La rubrica “Informazioni Utili” nasce per racchiudere tutte quelle notizie che possono essere di rilevanza per i cittadini pomiglianesi. La nostra città, il 20 e 21 settembre, sarà chiamata a esprimere ben tre preferenze che riguardano le elezioni amministrative, le elezioni regionali e il referendum sul taglio dei parlamentari. Sarà un fine settembre molto caldo con i candidati impegnati nel cuore della propria campagna elettorale. Tuttavia in tanti si interrogano sulle giuste modalità di voto.

Ti consigliamo come approfondimento – Elezioni Pomigliano d’Arco 2020: diamo un po’ di numeri

Elezioni comunali: ecco come si elegge il nuovo sindaco

elezioniNei comuni con più di 15.000 abitanti, come nel caso di Pomigliano d’Arco, si può:

  • Tracciare un segno solo sul candidato sindaco: in questo caso il voto viene attribuito solo al candidato sindaco;
  • Tracciare un segno solo su una delle liste collegate al candidato sindaco; oppure sia sul candidato sindaco che su una delle liste collegate al medesimo candidato sindaco. In entrambi i casi il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista di candidati consiglieri;
  • Esprimere il voto disgiunto, tracciando un segno sul candidato sindaco e un altro segno su una lista non collegata. In questo caso il voto viene attribuito sia al candidato sindaco che alla lista non collegata. Stesso discorso nel caso in cui si tracci un segno su un candidato sindaco e si esprimano preferenze per uno o due candidati consiglieri di una lista non collegata al sindaco.

È eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno); qualora nessun candidato raggiunga tale soglia si tornerà a votare domenica 4 e lunedì 5 ottobre per il ballottaggio tra i due candidati più votati. Le preferenze si esprimono scrivendo negli appositi spazi il cognome (oppure il nome e cognome in caso di omonimia) dei candidati consiglieri comunali della lista votata. È possibile esprimere due preferenze per i candidati a consigliere comunale, scrivendone il cognome nelle apposite righe tratteggiate poste al di sotto del contrassegno di lista. In caso di espressione di due preferenze, queste devono riguardare una candidata di genere femminile e un candidato di genere maschile (o viceversa); pena l’annullamento della seconda preferenza.

Il colore della scheda elettorale sarà il blu.

Ti consigliamo come approfondimento – Elezioni 2020 e Covid-19: tutte le regole per votare in sicurezza

Elezioni regionali: le modalità di voto

ElezioniL’elettore può esprimere due preferenze:

  • Una per il Presidente della Regione;
  • Una per la lista provinciale.

Si può anche votare solo una delle due opzioni. Se il voto viene dato alla lista verrà automaticamente conteggiato come voto anche al candidato Presidente che la lista ha scelto di sostenere. Gli elettori campani possono effettuare anche un voto disgiunto (ovvero indicare un candidato governatore e poi volendo anche una lista che non lo appoggia); oltre alla possibilità di indicare fino a due preferenze per quanto riguarda i consiglieri.

Il colore della scheda elettorale sarà il verde, ma forse in Campania potrebbe essere arancione.

Ti consigliamo come approfondimento – Pomigliano: le dichiarazioni a caldo dei quattro candidati a sindaco

Referendum taglio parlamentari: “Sì” o “No”

elezioniIl testo del quesito referendario è il seguente:

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n. 240 del 12 ottobre 2019?».

A differenza dei referendum abrogativi, per la validità del referendum costituzionale non è obbligatorio che vada a votare la metà più uno degli elettori aventi diritto.

Basterà tracciare un segno o sul “SÌ” o sul “NO”!

Quindi se i “Sì” superano i “No”, il taglio dei parlamentari verrà confermato. Viceversa si rimarrà alla situazione attuale, ovvero 945 parlamentari totali, 630 deputati e 315 senatori. Per questo tipo di referendum non è necessario il raggiungimento di un quorum.

Il colore della scheda elettorale sarà l’azzurro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here