Ema revisiona Astrazeneca per disturbo raro e Janssen per tromboembolia

0
241
Ema revisione Johnson&Johnson

Ema revisione Johnson&Johnson – Nuova rivalutazione dell’Ema sui vaccini, questa volta tocca a Johnson & Johnson e ancora ad AstraZeneca. La commissione dell’agenzia di farmaco vigilanza è stata allertata dopo quattro tromboembolie e nuovi casi di raro disturbo.

Ti consigliamo come approfondimento – Crisanti su AstraZeneca: “Ema, scelta allucinante. Piano vaccini a rischio”

Ema revisione Johnson&Johnson: i casi di tromboembolie

Ema revisione Johnson&JohnsonNelle ultime ore la commissione di farmacovigilanza dell’Ema ha indetto una rivalutazione del vaccino Johnson & Johnson. La rivalutazione è stata disposta dopo segnalazioni di eventi tromboembolici in pazienti che hanno ricevuto il vaccino anti-Covid Janssen. Per quanto si legge in una nota dell’Ema, le segnalazioni rivelano quattro casi gravi di rari coaguli del sangue con piastrine basse. “Un caso si è verificato in uno studio clinico e tre casi durante il lancio del vaccino negli Stati Uniti. Uno di questi è stato fatale“. Per il momento il farmaco è utilizzato solo negli Stati Uniti.

La sua autorizzazione, avvenuta l’11 marzo scorso, è esclusiva ad uso di emergenza. Per adesso non è stato ancora inoculato in nessuno dei 27 stati, ma è prevista la consegna nelle prossime settimane. Al momento non è chiaro se vi sia associazione causale. La revisione rientra quindi nel contesto di un “segnale di sicurezza”, ovvero un’informazione su un evento avverso nuovo o non completamente documentato potenzialmente causato da un medicinale e che richiede ulteriori indagini.

Ti consigliamo come approfondimento – L’Italia cambia rotta sul vaccino AstraZeneca: “raccomandato” solo agli over 60

Ema revisione Johnson&Johnson: AstraZeneca

Ema revisione Johnson&JohnsonSotto accusa anche AstraZeneca dopo le che sono state segnalate altre reazioni avverse. In alcuni casi, i pazienti vaccinati con Vaxzevria, hanno presentato la ‘sindrome da perdita capillare‘. Per l’esattezza sono cinque i casi che hanno avuto questo disturbo molto raro. Si tratta della fuoriuscita di fluido dai vasi sanguigni che causa gonfiore dei tessuti e calo della pressione. Non è ancora chiaro se ci siano legami tra i casi e il vaccino. Ad ogni caso, anche dopo la precedente bufera, l’Ema ha iniziato a riesaminare i vaccini.

Attualmente non è chiaro se esista una associazione causale tra la vaccinazione con il vaccino Janssen e queste condizioni. Il Prac sta indagando su questi casi e deciderà se può essere necessaria un’azione normativa, che di solito consiste in un aggiornamento delle informazioni sul medicinale”, conclude la nota dell’Ema.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − 18 =