Eros: dieci cose (che non sapevi) rivelate dalla scienza

0
113
eros vagina

L’amore è il sentimento più forte che una persona possa provare, e anche il più piccante, per il suo legame con l’eros. L’intesa sessuale è un elemento tra i più importanti in amore e non solo, in un’epoca in cui aumentano i divorzi ed è molto facile trovare anche solo delle avventure grazie ai social.

Ti consigliamo come approfondimento – Misure? La scienza ti dice se le “tue” sono quelle giuste

Eros e scienza: le curiosità che non conoscevi

erosIn un periodo dove il sesso non è più tabù, resta fondamentale conoscere l’argomento. Soprattutto con gli ultimi aggiornamenti derivati dalla scienza. Vediamoli insieme:

  • Gli orgasmi notturni non sono una caratteristica solamente maschile. Anche molte donne li hanno. In una ricerca sulla sessualità femminile, Alfred Kinsey, rinomato sessuologo, ha analizzato che anche il 37% delle donne prese in esame aveva avuto almeno un orgasmo mentre dormiva.
  • Il celebre “alzabandiera” è quindi un fenomeno anche femminile. Le donne forse non sanno che spesso si svegliano al mattino con un inturgidimento del clitoride, un fenomeno sessuale che possiamo paragonare all’erezione maschile. Tale situazione si può verificare nel corso della notte, anche nella fase di sonno profondo.
  • Posizione perfetta? La più piccante e con la pancia in giù mentre si dorme. Le persone che dormono in posizione prona hanno un’altissima probabilità di avere sogni sessuali. Questo è dovuto alla pressione fisica sui genitali che, stimolati senza volerlo, reagiscono sul nostro subconscio.
Ti consigliamo come approfondimento – Alex Schiller: “I napoletani lo fanno meglio”. Il suo blog fa il giro del mondo

Eros: dal rischio infarto agli animali “curiosi”

  • erosInfarto mentre si fa sesso, solo se tradisci. Il rischio infarto durante il sesso c’è ma è molto basso. Tuttavia è particolare evidenziare che molti casi di infarti in situazioni bollenti si sono verificati durante un adulterio. Solitamente il rischio è maggiore per l’uomo. La motivazione è da ricollegare al disagio psicofisico del momento (paura di essere scoperti, rimorso, ansia, forte stress prolungato) che influisce dannosamente sulle funzioni cardiovascolari del soggetto.
  • Il capezzolo aiuta le donne a raggiungere l’orgasmo. Curiosità singolare, ma la scienza ci viene in aiuto. La stimolazione del capezzolo attiva la corteccia sensoriale genitale, ovvero la stessa regione del cervello del clitoride.
  • Gli orgasmi, aspetto importante anche per gli animali. Sì, anche gli animali hanno gli orgasmi e, dagli studi effettuati sui primati, proverebbero una sensazione molto simile a quella umana. L’esperienza psicologica invece varia da animale ad animale. Sconvolgente!
  • La profondità media della vagina è di poco inferiore rispetto alla lunghezza media del pene. Il canale elastico della vagina varia tra i 6 cm e gli 11 cm in fase di eccitazione.
Ti consigliamo come approfondimento – Sex diet, la dieta più piccante ideata da Kerry McCloskey

Starnutire può far “bene”

erosTra le ultime novità sull’eros, anche quella riguardante gli “starnuti”.

  • Se la distanza tra clitoride e vagina è inferiore alla larghezza del pollice, orgasmi più probabili. Non è la regola, ma esisterebbe una distanza “ideale” misurabile con il proprio pollice. Ovviamente se si supera tale distanza è comunque raggiungibile l’orgasmo.
  • Troppa masturbazione distorce l’eccitamento. Una ricerca sessuale sostiene che un’eccessiva masturbazione maschile può rendere neutri o praticamente privi di libidine soggetti sessualmente attraenti.
  • Raro, ma possibile, si può raggiungere l’eccitamento sessuale al momento dello starnuto. Circostanza rarissima e se vogliamo divertente, ma è possibile raggiungere un piccolo orgasmo se si starnutisce.

E voi, cari lettori, conoscevate già tutti questi aggiornamenti “scientifici”?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here