Supermercati Esselunga, ritirato lotto di pesto genovese: sospetta presenza di salmonella

0
757
Esselunga pesto ritirato salmonella

Esselunga pesto ritirato salmonella: un pesto con basilico genovese è stato ritirato dal commercio in alcuni negozi Esselunga. Il prodotto è stato ritirato per una sospetta presenza di salmonella. I responsabili del supermercato hanno anche chiesto di riportare il prodotto in questione presso i punti vendita.

Ti consigliamo come approfondimento-Firenze, aggressione studente: silenzio del Governo, le opposizioni insorgono

Esselunga pesto ritirato salmonella: lotto ritirato

La catena di supermercati Esselunga ha dovuto ritirare dai banconi il “pesto con basilisco genovese dop senz’aglio biologico”. Tali prodotti sono stati ritirati per un rischio salmonella. Nel dettaglio, il prodotto ritirato da mercoledì 15 febbraio corrisponde al lotto “pr 01/02/2023”, identificato col marchio dello stabilimento “It 1184 S CE”. Si tratta di una confezione da 14 grammi e con data di scadenza 22 febbraio 2023. L’avviso con il richiamo del prodotto è stato riportato anche sul sito del ministero della salute. Il pesto in questione, stando a quanto spiegato dal supermercato stesso, è stato richiamato perché c’è una “sospetta presenza di salmonella spp”. Il prodotto, spiega la catena della famiglia Caprotti, è stato ritirato da tutti i punti vendita e non è più presente sugli scaffali. Ai clienti che lo hanno acquistato viene chiesto di “non consumare il prodotto e di riportarlo presso il punto vendita”.

Ti consigliamo come approfondimento-Shock nell’oristanese: madre accoltella e strangola la figlia 14enne, e poi tenta il suicidio

Esselunga pesto ritirato salmonella: sintomi

Papà dona polmone, Urbino incidente donna incinta, Pompei cardiologo molesta pazienti, Padova Tablet esplode, Milano vigili Ferrari, ponza pronto soccorso, vaiolo scimmie barletta, bari chirurgo infarto, neonato 370 grammi,manichetti lockdown no vax,L’infezione si trasmette per via oro-fecale, attraverso l’ingestione di cibi o bevande contaminate o per contatto. I principali veicoli di trasmissione sono uova crude (o poco cotte) e derivati a base di uova; latte crudo e derivati del latte crudo (compreso il latte in polvere); carne e derivati (specialmente se poco cotti); frutta e verdura contaminate durante il taglio. Tuttavia, per poter causare la malattia è necessaria la colonizzazione massiva dell’agente patogeno nell’alimento prima dell’ingestione. I sintomi da salmonellosi compaiono tra le 6 e le 72 ore dall’ingestione di alimenti contaminati e si protraggono per 4-7 giorni. Tali sintomi possono variare da semplici disturbi del tratto gastrointestinale fino a forme cliniche più gravi nei soggetti più fragili. Nella maggior parte dei casi la malattia ha un decorso benigno e non richiede l’ospedalizzazione. Talvolta l’infezione può aggravarsi al punto tale da rendere necessario il ricovero.

Ti consigliamo come approfondimento-83enne muore dopo aver mangiato un wurstel crudo. Si tratta di Listeriosi?

Esselunga pesto ritirato salmonella: altri prodotti ritirati

Uomo morto wurstelNegli ultimi mesi i casi di prodotti alimentari ritirati dal commercio per sospette infezioni è in aumento. Qualche mese fa furono ritirati alcuni lotti di wurstel ritenuti la causa di alcune intossicazioni alimentari. Oppure sono stati ritirati dal commercio alcuni lotti di salumi e formaggi per presenze anomale di virus al suo interno. Infatti, furono scoperte piccole quantità di salmonella in alcuni salumi, come coppa e salame. Inoltre, qualche mese fa furono ritirati dal commercio anche alcuni biscotti trattati con quantità eccessive di ammoniaca. Bisogna chiedersi come mai vengano ritirati così tanti prodotti. Le cause forse sono da ricondurre ai possibili minori controlli. Non è possibile che questi prodotti vengano distribuiti e poi si scopre che potrebbero essere dannosi. Questi mancati controlli potrebbero essere molto pericolosi e causare gravi conseguenze per noi.