Estate in salute: come superare al meglio i più comuni disturbi da vacanza

0
427
estate

La tanto attesa estate, dopo duri mesi di emergenza e lockdown, è finalmente arrivata. Tra mare, sole, spiaggia e musica c’è però il rischio che qualcosa rovini il meritato relax: i disturbi da vacanza. Si tratta spesso di mali passeggeri, più che altro correlati al cambiamento climatico o delle proprie abitudini e stili di vita, ma che – se non trattati adeguatamente – possono seriamente turbare anche i più bei giorni d’estate. Vediamo quali sono i disturbi più comuni e i rimedi più efficaci.

Ti consigliamo come approfondimento – Vacanze estive 2020, breve guida ai tuffi napoletani: dal “cufaniello” alla “panzata”

Estate all’estero: il jet lag e la “diarrea del viaggiatore”

coronavirus premio strega 2020 estateIl jet lag si verifica facilmente se in estate si sceglie di passare le vacanze all’estero, verso mete molto distanti e con un fuso orario completamente diverso dal nostro. Nello specifico, con questo disturbo – conosciuto anche come “Mal di fuso” – si designa quella condizione patologica in cui il soggetto, avendo attraversato più fusi orari in un lasso di tempo piuttosto breve, avverte un senso di stanchezza, sonnolenza, astenia, confusione e, più raramente, emicrania. La causa scatenante del jet lag è l’inevitabile alterazione del normale ciclo sonno-veglia dell’individuo. In pratica, quello che si verifica è un vero e proprio sfasamento del cosiddetto “orologio biologico”.

Come affrontare al meglio il disturbo da jet leg in estate? Ecco qualche consiglio utile:

  • Cercare di regolare il sonno nei giorni precedenti alla partenza, abituando l’organismo ai nuovi ritmi;
  • Assumere melatonina. Questa sostanza, meglio conosciuta come “ormone del sonno”, è contenuta sia negli appositi integratori che in alimenti come avena, mandorle, mais e cacao.

Un altro disturbo comune nei viaggi all’estero è la cosiddetta “diarrea del viaggiatore”: si stima colpisca il 20-30% dei viaggiatori internazionali. In genere a provocarla è una causa di tipo microbiologica (virus, batteri, parassiti e talvolta anche miceti). Questi microrganismi sono spesso contenuti in alimenti di Paesi a basso livello di igiene, intollerabili per le difese immunitarie di chi vive in contesti più controllati.

I rimedi cambiano a seconda della gravità della situazione, ma in generale è importante:

  • Reidratarsi per recuperare i liquidi persi;
  • Assumere fermenti lattici termoresistenti;
  • Consultare il medico se la situazione peggiora. Sarà poi sua discrezione prescrivere una terapia antibiotica o antidiarroica.
Ti consigliamo come approfondimento – Cibo da spiaggia: come restare in forma anche sotto l’ombrellone

Attenzione al sole: eritemi e scottature

Estate 2020Chi in estate non desidera la tintarella perfetta? Utile per coprire imperfezioni e regalare un colorito naturale e omogeneo all’incarnato, bisogna fare molto attenzione all’esposizione solare. Se si esagera infatti – e soprattutto se non si utilizzano le adeguate protezioni solari – sarà difficile evitare eritemi e scottature piuttosto fastidiosi.

Ecco i migliori rimedi per questi spiacevoli inconvenienti:

  • Evitare l’esposizione al sole dopo le scottature;
  • Per lavarsi è consigliabile utilizzare acqua fredda;
  • Può essere utile applicare delicatamente del ghiaccio (preferibilmente avvolto in un panno morbido di cotone) sulle zone più colpite;
  • Per asciugarsi, dopo la doccia, si consiglia di utilizzare materiali estremamente morbidi, in modo da non graffiare e irritare ulteriormente la cute danneggiata;
  • Utilizzare creme lenitive e idratanti specifiche.
Ti consigliamo come approfondimento – Ombrelloni salatissimi: il Covid-19 fa male all’estate italiana

Non solo piacere: ansia e ipocondria

Sindrome estateIl viaggio rappresenta una rottura con la propria quotidianità. Per molti può essere motivo di ansia, ipocondria o attacchi di panico. Per tenere sotto controllo la situazione (nei casi non troppo gravi), ecco qualche possibile soluzione:

  • Non strafare con ritmi insostenibili e riposare quanto necessario;
  • Non esagerare con gli alcolici, che possono contribuire ad alterare il tono dell’umore, già piuttosto sensibile;
  • Esercitarsi con tecniche di rilassamento, incentrate sulla concentrazione e la respirazione;
  • Pensare positivo. Spesso spostare l’attenzione dai pensieri negativi a ricordi, immagini e sensazioni piacevoli è il miglior modo per godersi appieno le vacanze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove + 16 =