#Ilgiornodopo, il web risponde a Grillo: migliaia di donne postano sui social

0
295
Eva Grillo ilgiornodopo
Ph presa dal profilo Instagram di Eva

Eva Grillo ilgiornodopo – Il video diffuso in rete da Beppe Grillo nel quale difende il figlio Ciro, quest’ultimo accusato di aver stuprato una ragazza insieme ad altri quattro amici, sta ancora facendo parlare. In particolare, della lunga arringa difensiva del comico genovese ha destato scalpore un concetto: che la ragazza che accusa Ciro Grillo abbia sporto denuncia solo 8 giorni dopo. Un passaggio del video che non è passato inosservato a una ragazza, Eva, di 29 anni che di getto ha lanciato l’hashtag ‘ilgiornodopo’.

Ti consigliamo come approfondimento – Grillo su Ciro e lo stupro: “Si stavano solo divertendo, sono 4 coglioni!”

 Eva Grillo ilgiornodopo, i motivi del lancio dell’hashtag

Eva Grillo ilgiornodopo
Ph presa dal profilo Instagram di Eva

Il silenzio non porta più giovamento, se non agli stupratori”.
Così inizia il post di Eva che all’età di diciassette anni si è trovata ad affrontare una delle cose più atroci che un uomo possa infliggere a un altro essere umano. Lo stupro. Gran parte della motivazione che hanno portato Eva a rendere, con coraggio e mano tremolante, di pubblico dominio la sua storia è stato lo “sproloquio” di Beppe Grillo. Arringa che ha fatto in difesa del figlio Ciro. Ma è un particolare ad aver fatto scattare Eva. Il momento in cui il comico genovese si sofferma sul fatto che la presunta vittima sia andata a fare surf il giorno dopo.

Come se questo invalidasse magicamente non solo le accuse, ma anche la reputazione della ragazza”. Sbotta Eva sul suo profilo Instagram.
Troppe persone subiscono stupri e violenze nel segreto delle loro camere. Non acquistano consapevolezza di ciò che hanno subito fino a molto tempo dopo. Talvolta, come nel mio caso, dopo anni. Il problema è anche che una certa narrazione sembra voler colpevolizzare chi sopravvive, che dopo lo stupro non può voler trovare una distrazione. Ci volete morte, o in lutto perenne. Si parla poco di sopravvivenza, di quanto sia difficile e di quanti sforzi comporti.

Per questo lancio l’hashtag #ilgiornodopo. Perché le/i sopravvissute/i allo stupro raccontino quanto drammaticamente sia normale e diffuso non aver denunciato il giorno dopo. Nella speranza che molte persone possano sentirsi meno sole affrontando il proprio “giorno dopo”.

Ti consigliamo come approfondimento – Boschi attacca Grillo: “Usa il suo potere mediatico per assolvere il figlio”

Eva Grillo ilgiornodopo, tante testimonianze per #ilgiornodopo

solidarietà digitale, Eva Grillo ilgiornodopoTanti sopravvissuti, citando Eva, sui social hanno raccontato la propria storia facendosi forza gli uni con gli altri.
“#ilgiornodopo, le settimane dopo e gli anni dopo, ho avuto paura e non ho denunciato. Mi sono sentita sola e non ho denunciato. La ferita è ancora aperta, sii forte ragazza, tu non sei sola” ha scritto un utente Twitter.

#Ilgiornodopo manco lo ricordo”, scrive sulla bacheca di un altro. “Ricordo però gli istanti dopo. Sono tornata a casa come se nulla fosse successo. Con un segreto in più da custodire. E un senso di colpa che non era mio”. Tante altre sono le testimonianze e i messaggi di solidarietà che possono essere letti.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − due =