Napoli: intera famiglia muore di Covid-19. Nessuno di loro era vaccinato!

0
90
famiglia morta covid,

Famiglia morta Covid, il virus porta via marito, moglie e figlia. Il tutto avviene nel giro di 8 giorni presso l’ospedale di Boscotrecase. La famiglia di Torre del Greco viene ricoverata a causa del Covid. Il primo ad avvertire i sintomi è stato il marito, di 89 anni. Ha seguito poi la moglie di 85 ed infine la figlia di 58. L’altro figlio della coppia risulta invece ancora ricoverato. L’intero nucleo familiare inoltre, evidenziano i medici, non sarebbe stato vaccinato. Una decisione che ha riguardato tutti e che ad altrettanti, purtroppo, è costata la vita.

Ti consigliamo come approfondimento – Allarme variante Delta in Italia: la Campania prossima alla zona gialla?

Famiglia morta Covid: il racconto degli ultimi 8 giorni e la “morte sospetta”

Covid dopo vaccino, famiglia morta covid,Poco più di una settimana, 8 giorni per essere precisi. Tanto è durata l’agonia di un’intera famiglia che si è vista stroncata dal Covid-19. Tutti non vaccinati e tutti vittime del virus. L’intero nucleo familiare di Torre del Greco non è riuscito ad avere la meglio. Il marito (89 anni), la moglie (85 anni), la figlia (58 anni) sono deceduti. Rimane soltanto il figlio, ancora ricoverato. L’ospedale che ha prestato cure e soccorso è il Boscotrecase, lo stesso al quale i membri della famiglia vogliono fare causa. La motivazione sarebbe un messaggio inviato dall’89enne a sua nipote prima della morte. “Aiutatemi, vi prego. Qui dentro all’ospedale mi stanno lasciando morire”. Motivo che ha portato dunque al ricovero del figlio rimasto della coppia presso un altro ospedale. Quest’ultimo infatti sarebbe stato spostato al Cutugno di Napoli.

Ti consigliamo come approfondimento – Green pass, in arrivo il decreto: previste multe di 400 euro e chiusura locali

Famiglia morta Covid: le parole della nipote ed i messaggi del nonno

Covid variante covid, famiglia morta covid,A parlare della tragica vicenda è la nipote dalla coppia defunta. Per lei imparentati come “nonni” mentre la figlia come “zia”. Si chiama Anna R. ed ha 42, sue le uniche testimonianze sull’accaduto. “I polmoni non hanno infine retto all’attacco del virus. Questo mi hanno detto i dottori”. Nonostante la donna appaia scettica, soprattutto in merito al messaggio ricevuto dal nonno prima della sua scomparsa. “Aiutatemi, vi prego. Qui dentro all’ospedale mi stanno lasciando morire”. La donna inoltre afferma che nessuno di loro aveva sino ad allora avuto problemi gravi. “Dall’ospedale, nell’arco di tutta la degenza, i medici mi hanno fornito delle informazioni quantomeno contraddittorie”. Riferisce la nipote. Motivo che la spinge sempre più verso una denuncia nei confronti dell’ospedale. Ipotesi al momento fermata dai suoi stessi parenti che vorrebbe risparmiare un’autopsia sui defunti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × 5 =