A Pomigliano d’Arco trionfa il fantasy con “I figli delle ninfe”

Mauro Barbarito dà vita a un mondo magico e intriso di antico potere

0
261
fantasy

Si inaugura con un fantasy la nostra nuova rubrica dedicata ai libri, precisamente con Mauro Barbarito, giovane pomiglianese che ha deciso di far viaggiare tutti i suoi compaesani e non solo, con la fantasia.

La storia d’amore tra gli italiani e il fantasy ha origini relativamente recenti. Il genere ha ampio seguito nell’universo anglofono, mentre ha raggiunto il nostro Paese attraverso il cinema, internet e i videogiochi. Il successo di saghe come Harry Potter o il Signore degli Anelli convince gli autori italiani a muovere i primi passi nel panorama del fantasy. Le loro penne danno i natali a creature inverosimili e mondi magici, pur senza spodestare i colleghi d’oltreoceano.

fantasyMauro Barbarito, ingegnere aerospaziale di Pomigliano d’Arco, è una piacevole sorpresa per gli amanti del fantasy classico. “I figli delle ninfe”, edito da LFA Publisher, è il primo volume di una trilogia. Seguono “Il calice di sangue” e un terzo e ultimo capitolo in pubblicazione per la fine di quest’anno.

Fantasy “I figli delle ninfe”: trama e personaggi

Umani, nani, silvani e mezzosangue vivono in pace da molti anni. Un antichissimo e potente nemico, però, sta ricostruendo le sue fila. Vecchi alleati diventeranno inaspettati avversari e nuovi eroi giocheranno la partita decisiva per la sopravvivenza dei propri popoli.

“Chi sei?”
“Sono solo il retaggio dei peccati di cui ti sei macchiato.
E sono qui affinché tu possa espiarli”.

fantasyLe ninfe e la loro progenie, infatti, bramano vendetta nei confronti del mondo corrotto che le ha ripudiate e dato loro la caccia. I primi a percepire l’imminente pericolo saranno l’ineguagliabile fabbro Proteus, il governatore Garret Thymion e il druido conosciuto come il Ramingo. La tempesta in arrivo non risparmierà nessuno: un oscuro passato lega i personaggi in un complicato puzzle che si ricompone pagina dopo pagina.
La magia e il potere sono protagonisti del romanzo, al pari di guerrieri e cortigiani. Grazie a loro tutte le pedine del grande scacchiere si muovono, più o meno consapevolmente.

Fantasy “I figli delle ninfe”: ambientazione e struttura del romanzo

La presumibile ambientazione medievale è fortemente richiamata nelle descrizioni, scrupolosamente dettagliate. Al lettore sembrerà, quindi, di udire il caos del mercato cittadino e le spade fendere l’aria. Gli sembrerà addirittura di toccare con mano i pregiati materiali degli arredi e i loro fregi.
Il linguaggio dei protagonisti rispecchia il mondo delle corti e dell’esercito. fantasyLa narrazione scorre fluida e tutti i personaggi, anche quelli delineati meno marcatamente, trovano collocazione nell’impalcatura del romanzo.
Si alternano nel testo punti di vista differenti; cosi si offre una panoramica completa sulle vicende e sul soggetto che dà voce al capitolo. Questo rende la lettura dinamica ed evidenzia caratteri e sfumature dei personaggi che altrimenti andrebbero persi.
I figli delle ninfe” è l’incipit di un racconto coinvolgente. Nelle ultime pagine, sorprendenti evoluzioni della trama mostreranno una storia tutt’altro che conclusa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here