Fatima lanciata giù dal balcone, oggi i funerali: “Era una bimba splendida”

0
409
fatima funerale

Fatima funerale a Torino, svoltosi questa mattina per la piccola precipitata dal balcone di casa e morta sul colpo. A partecipare all’evento, condito da fiori e palloncini bianchi, il sindaco della città e le maestre di Fatima. Tante lacrime sono state versate sulla piccola bara protagonista della funzione funebre.

Ti consigliamo come approfondimento – Piccola Fatima lanciata giù dal balcone: l’autopsia incastra il patrigno

Fatima funerale doloroso e sentito: “Ci insegna a essere più buoni”

sara bosco processo ragazza morta pompei, tasmania incidente bambiniLa cappella di Santa Maria Ausiliatrice di Torino questa mattina è stata il luogo dell’ultimo saluto a Fatima, la bambina di 3 anni che lo scorso 13 gennaio è morta precipitando dal balcone dell’appartamento in cui abitava. “In momenti come come questi, davanti a una bara bianca, le parole sono superflue. Fatima ci insegna a essere più puri e più buoni. A tornare tutti bambini”, queste sono state le parole del parroco durante l’omelia. Alla funzione ha presenziato anche il sindaco del capoluogo piemontese, Stefano Lo Russo, che ha abbracciato la madre della piccola fuori dalla chiesa. A essere presenti sono state anche le maestre della bambina, che hanno portato fiori e palloncini bianchi. “Era una bambina dolce, carina e splendida”, hanno pianto. “Sapere della sua morte è stato un fulmine a ciel sereno.”

Ti consigliamo come approfondimento – Fatima, 3 anni, cade dal balcone e muore: “Come ha fatto a scavalcare?”

Fatima è stata lanciata giù dal balcone: accusato il patrigno

assistenza violenza sessualeSecondo quanto appreso dalle indagini della Polizia, il responsabile della morte della piccola è Azhar Mohssine. Il 32enne, compagno della madre di Fatima, è accusato di omicidio colposo, nonostante lui neghi di aver progettato la brutale mossa. “Stavo giocando con Fatima sul ballatoio”, è la sua versione dei fatti. “La lanciavo in aria e lei rideva e salutava mamma. Mi è scivolata dalle mani, non so come sia successo. Sono corso giù, ma respirava a malapena. È stata colpa mia. Quella bambina era la mia famiglia, le volevo bene e quel gioco le piaceva tanto. Adesso non mi do pace.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × 4 =