Fatima lanciata giù dal balcone, la madre accusa il compagno: “L’ha uccisa lui!”

0
803
torino bambina cade dal balcone fatima lanciata dal balcone fatima madre accusa compagno macerata bambina cade balcone

Fatima madre accusa compagno di averla brutalmente uccisa. Il racconto della mamma della bambina di tre anni morta a Torino lo scorso 13 gennaio scuote l’Italia. Le sue parole cambiano le carte in tavola: Azhar Mohssine, 32 anni, dovrà rimanere in carcere. Il titolo dell’arresto cambia da omicidio colposo a omicidio volontario.

Ti consigliamo come approfondimento – Fatima, 3 anni, cade dal balcone e muore: “Come ha fatto a scavalcare?”

Fatima madre accusa compagno: la dichiarazione di lui

pedopornografia chat whatsappLa vita di Fatima, una bambina di soli tre anni, si è spezzata poco dopo l’inizio di questo 2022, durante la prima metà di gennaio. Una caduta terribile, che le ha causato un trauma cranico, un trauma toracico e molteplici lesioni. Inutile il soccorso all’Ospedale infantile Regina Margherita, a Torino. La Squadra Mobile della Questura si mobilita immediatamente per cercare la causa del suo decesso, e per rispondere alla domanda che tutti i vicini di casa si pongono. “Ci stiamo chiedendo un po’ tutti come abbia potuto una bambina così piccola scavalcare le ringhiere del ballatoio che sono alte.” I sospetti si incentrano tutti sul patrigno. Ma il compagno della madre di Fatima, Azhar Mohssine, si mostra in lacrime. “Stavo giocando con Fatima sul ballatoio, la lanciavo in aria. Lei rideva e salutava mamma. Mi è scivolata dalle mani, non so come sia successo”, sono state le sue parole. “Sono corso giù, ma respirava a malapena. È stata colpa mia. Quella bambina era la mia famiglia, le volevo bene e quel gioco le piaceva tanto. Adesso non mi do pace.”

Ti consigliamo come approfondimento – Fatima lanciata giù dal balcone, oggi i funerali: “Era una bimba splendida”

Fatima madre accusa compagno: “È stato lui a buttarla giù!”

18enne stuprata padre, Volla nipote, 18enne violentataMa i medici che si sono occupati dell’autopsia vedono una realtà ben diversa dal tragico incidente raccontato dal patrigno. Il punto in cui la piccola Fatima è atterrata non corrisponde alla traiettoria di una possibile caduta. Sembrerebbe molto più realistico uno scenario che vede qualcuno lanciarla giù. La madre naturale della bambina non esita a puntare il dito contro il compagno. “È stato lui“, racconta. “Ha afferrato Fatima poco prima che potessi prenderla io e l’ha gettata dal balcone“. Quel fatidico giorno Azhar era probabilmente sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o l’effetto dell’alcol. Fatima sarebbe corsa da lui per ringraziarlo per un gioco e lui, di tutta risposta, l’avrebbe allontanata bruscamente. Fatima sarebbe rotolata a terra e, prima che qualcuno potesse soccorrerla (oltre alla madre nell’appartamento era presente un terzo uomo, un amico), Azhar l’avrebbe sollevata e scaraventata giù dal balcone.

Ti consigliamo come approfondimento – Piccola Fatima lanciata giù dal balcone: l’autopsia incastra il patrigno

Fatima madre accusa compagno: “Era una bambina splendida”

reinserimento detenutiMa se questa versione dei fatti è reale, perché la madre di Fatima non ha parlato prima? C’è una risposta anche per questo quesito: la morte di sua figlia le avrebbe causato un forte shock e non le avrebbe permesso di raccontare l’accaduto in maniera coerente e lineare. Il suo compagno, a ogni modo, era già stato in galera dopo l’uccisione di Fatima. Era stato ammanettato per omicidio colposo e sarebbe dovuto uscire dal carcere il prossimo 12 aprile. Ora, però, il 32enne è accusato di omicidio volontario. Ma nessuna pena potrà mai riportare la piccola Fatima tra noi. “Era una bambina dolce, carina e splendida”, hanno detto le sue maestre d’asilo il giorno del funerale.