Russia nella profezia di Fatima, Papa Francesco: “25 marzo data decisiva”

0
603
Fatima Russia

Attualità nel mistero di Fatima Russia causa di distruzione, Ucraina vittima. Dopo un secolo, tornano imperanti le parole della profezia ai tre pastorelli. Guerra, crisi economiche e dolore. La venuta dell’Anticristo e la paura della fine del presente, così come lo conosciamo. Papa Francesco sceglie il 25 marzo per una preghiera collettiva. Russia e Ucraina saranno consacrate all’Immacolato Cuore di Maria.

Ti consigliamo come approfondimento – Russia-Ucraina, cessate il fuoco tra 10 giorni? “Negoziati su larga scala”

Mistero di Fatima Russia e Ucraina nelle parole della profezia?

Fatima RussiaVedo la terra scuotersi e tremare, città e villaggi sepolti, rasi al suolo, inghiottiti, montagne di gente indifesa, vedo i fiumi e i mari che trabordano e inondano e le anime che dormono il sonno della morte“. Parole che appartengono a un tempo passato, ma che tornano a spaventare in questi giorni di guerriglia e morte. Il segreto di Fatima è una lunga profezia disvelata a tre pastorelli, il 13 maggio 1917. Una Signora vestita di luce apparve a tre bambini, a Fatima, nella terra del Portogallo. Lucia, che diverrà suora e portatrice del messaggio. I cugini Jacinta e Francisco, morti durante la prima guerra mondiale e non sopravvissuti all’infanzia.

Per ordine espresso di Nostra Signora questa busta può essere aperta nel 1960″. Il vescovo di Leira così scriveva in una lettera, il 3 gennaio del 1944. Un segreto lungo, diviso in tre parti. Le prime due parti furono note negli anni ’40. L’ultima parte della profezia fu letta da Papa Wojtyla, dopo l’attentato che subì il 13 maggio del 1981 e reso noto durante il Giubileo del 2000. Oggi, Papa Francesco e i vescovi ucraini vedono la guerra voluta da Putin nelle parole della profezia.

Ti consigliamo come approfondimento – Ucraina, la scritta “bambini” non ferma i soldati russi: bombardato teatro di Mariupol!

Madonna di Fatima Russia e Ucraina consacrate il 25 marzo

Verità o superstizione? Già Papa Benedetto XVI, nel 2010, parlava della missione profetica della Madonna di Fatima. Parole in cui la Chiesa ha riposto molta attenzione. Nazioni distrutte, popoli divisi. Lo scorso 2 marzo, la conferenza episcopale cattolica romana di Kiev ha lanciato un appello a Papa Francesco. “Imploriamo umilmente Vostra Santità di compiere pubblicamente un atto di dedicazione al Santissimo Cuore Immacolato di Maria dell’Ucraina e della Russia, come richiesto dalla Santissima Vergine a Fatima. La Madre di Dio, Regina della Pace, accolga le nostre suppliche: Regina pacis, ora pro nobis!”

Le paure di una grave crisi dell’umanità convincono la Chiesa e il Santo Padre a compiere un gesto di preghiera. Alle ore 17, venerdì 25 marzo, Russia e Ucraina saranno consacrate all‘Immacolato Cuore di Maria, presso la Basilicata di San Pietro. “Lo stesso atto, lo stesso giorno, sarà compiuto a Fatima dal cardinale Krajewski, Elemosiniere di Sua Santità, come inviato del Santo Padre.” dichiara il portavoce della Santa Sede, Matteo Bruni.

Ti consigliamo come approfondimento – Ucraina, é allarme malattie: oltre al Covid si teme anche colera e morbillo

Profezia Di Fatima Russia causa di distruzione? Il testo del miracolo

Fatima Russia«Dopo le due parti che già ho esposto, abbiamo visto al lato sinistro di Nostra Signora un poco più in alto un Angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra; scintillando emetteva grandi fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo intero; ma si spegnevano al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui: l’Angelo, indicando la terra con la mano destra, con voce forte disse: Penitenza, Penitenza, Penitenza! E vedemmo (“qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti”), in una luce immensa che è Dio, un vescovo vestito di bianco (“abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre”), altri vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose salire una montagna ripida, in cima alla quale c’era una grande Croce di tronchi grezzi, come se fosse di sughero con la corteccia;”

Il Santo Padre, prima di arrivarvi, attraversò una grande città mezza in rovina e mezzo tremulo, con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino. Giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce, venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni. Sotto i due bracci della Croce c’erano due Angeli. Ognuno con un innaffiatoio di cristallo nella mano, nei quali raccoglievano il sangue dei Martiri e con esso irrigavano le anime che si avvicinavano a Dio.»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre − 2 =