Italia: arriva la “febbre del topo”. Primo contagio in Friuli-Venezia Giulia!

0
217
Febbre topo Italia,

Febbre topo Italia, tre parole che si collegano tramite il primo contagiato. Si tratta di un cittadino sloveno che lavora ai confini di Gorizia. Quest’ultimo sentitosi male si è recato nel Pronto Soccorso più vicino, in Friuli-Venezia Giulia. Qui gli è stata diagnosticata la “febbre del topo” (poiché trasmesso dall’animale in questione) ovvero l’hantavirus. Un virus già fortemente presente su suolo sloveno ed in continua espansione. Soltanto nell’ultimo anno infatti il numero dei contagiati si è moltiplicato quasi per duecento. Dai 14 dell’anno scorso si è infatti giunti a 214.

Ti consigliamo come approfondimento – HIV, la sconfitta definitiva: topi guariti grazie all’editing genetico

Febbre topo Italia: dalla nascita all’impennata di contagi

Moderna, Febbre topo Italia,La “febbre del topo” appartiene al ceppo degli hantavirus. La branchia di infezioni trasmissibili dai topi verso l’uomo. Quest’ultimo tende a contagiare la persona non solo attraverso il morso (caso raro) ma anche tramite gli odori. Può infatti diffondersi tramite la respirazione in luoghi dove gli escrementi di topo sono presenti. Tuttavia non è trasmissibile da uomo a uomo ma soltanto da animale a persona. Resta però il fatto che l’incremento dei contagi registrato recentemente è notevole. Di fatto l’anno scorso venivano registrati soltanto 14 casi, mentre oggi se ne contano 214. Gran parte di questi in Slovenia, di cui 64 in Gorizia, al confine con il Friuli-Venezia Giulia. Da segnalare inoltre che sino a maggi i casi registrati erano soltanto 16. Un’impennata incredibile quindi quella subita dal virus soltanto negli ultimi mesi.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid in Italia, le novità: qual è il quadro epidemiologico?

Febbre topo Italia: i sintomi e le conseguenze del virus

Covid-19, Febbre topo Italia,Così come per un virus ben più noto, anche l’hantavirus presenta sintomi abbastanza simili. Infatti la febbre del topo tende a manifestarsi, visto anche il nome, sottoforma di una forte febbre. Altri indici possono essere il dolore ai fianchi, il mal di testa o i brividi. Più particolari invece i fastidi all’addome o agli occhi, così come l’arrossamento del viso. La durata di diffusione nel corpo varia tra le due e le quattro settimane. Al momento non sono stati registrati decessi per causa dell’hantavirus. Tuttavia ci sono stati alcuni casi che hanno richiesto urgente ricovero. Di fatto alcune delle conseguenze derivanti dalla febbre del topo non sono proprio lievi. Tra questi anche problemi polmonari similari a quelli prodotti dal Covid-19. Per evitare l’infezione è consigliato evitare di sedersi e toccare parti contaminate dai topi. Ancora più saggio è lavarsi le mani ripetutamente, un’abitudine forse già presa dai più.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 4 =