La felicità è “matematica”! Ecco la formula dell’Harvard Business School

0
775
SegninVersi equazione generazione z

Cos’è la felicità? A volte è facile individuarla e descriverla. In altri momenti, come in questa delicata fase di emergenza, sembra un concetto astratto e lontano. La formula arriva dagli Stati Uniti, sotto forma di equazione matematica. Un professore della Harvard Business School, infatti, ha spiegato come essere felici ai suoi studenti.

Ti consigliamo come approfondimento – Felicità: un corso universitario spiega come raggiungerla!

Felicità: prima equazione

felicità equazioneLo psicologo sociale Arthur C. Brooks, professore della Harvard Business School di Boston (USA), ha recentemente aperto una rubrica dal titolo “Come costruire la propria vita”. Il docente ha spiegato che da tempo considerava l’idea di farlo. La pandemia e la quarantena hanno messo le persone nelle condizioni di avere più tempo per sé stesse, anche per poter meditare e riflettere. Ecco, dunque, che il professore ha colto l’occasione per suggerire un’insolita modalità per trovare la felicità. Le tre formule elaborate si basano su ricerche condotte sull’emotività e l’affettività umana. Le variabili considerate dallo studioso sono poi state messe in relazione tramite una equazione.

Benessere soggettivo = geni + circostanze + abitudini. La prima importante lezione del professor Brooks è scindere il benessere soggettivo dalla felicità. Il primo è oggetto del suo studio ed è più facile da individuare e valutare. Diversi studi confermano, infatti, l’esistenza di una grande componente genetica nella definizione del proprio benessere. I geni, primo fattore dell’equazione, sono quelli che la natura ci ha donato e non possiamo modificarli, così come non possiamo del tutto controllare le circostanze. Queste incidono fino al 40% sul nostro benessere. Quello sui cui possiamo puntare sono le nostre abitudini. La seconda formula spiega come.

Seconda equazione

idee in movimento equazione

Abitudini = fede + famiglia + amici + lavoro. Il professore Brooks definisce fede qualsiasi sistema di valori o filosofia di vita che ci consente di riflettere sulle questioni più profonde della vita, mettendo su un piano inferiore l’interesse egoistico a favore della solidarietà verso il prossimo. Quindi, il concetto è ampio e articolato e non comprende solo la religione.

Un altro importante fattore sono le relazioni personali e affettuose con familiari e amici. È essenziale coltivarle e prendersene cura. Non è difficile, infatti, accostare l’idea di felicità all’amore, in qualsiasi sua forma. Infine, il lavoro rappresenta la realizzazione di sé e appaga il desiderio di sentirsi utili nelle società, oltre a garantire le circostanze per una vita dignitosa. Questo difficile momento di isolamento può essere l’occasione giusta per considerare come e quanto le nostre energie si dividano tra questi quattro elementi.

Ti consigliamo come approfondimento – Di sana e felice costituzione: storia di un diritto in giro per il mondo

Terza equazione

shopping terapeutico certilogoSoddisfazione = ciò che si ha / ciò che si vuole. L’ultima equazione analizza una questione piuttosto spinosa, quella della soddisfazione. È comune la sensazione di sedere a un banchetto dal quale non si riesce ad alzarsi mai completamente sazi.

Il professore spiega che molti puntano ad aumentare il numeratore dell’equazione incrementando il lavoro e quindi la possibilità di spendere e acquistare. La sua idea, comune a molti insegnamenti filosofici e religiosi, è quella di concentrarsi sui propri desideri, eliminando ciò di cui non abbiamo davvero bisogno. L’emergenza Covid-19, bloccando il normale svolgimento della nostra quotidianità, ha già portato a galla necessità reali e cose di cui si può fare a meno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 + 14 =