Femminicidio: attivato il fondo per gli orfani vittime di violenza

0
74
parità

In occasione della giornata mondiale dedicata alle donne vittime di violenza, celebrata il 25 novembre, dal Governo arriva una splendida notizia. Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia, ha annunciato di aver firmato il decreto per lo sblocco dei fondi per gli orfani di femminicidio. Pronti 12 milioni, che finanzieranno borse di studio, formazione, inserimento al lavoro e spese mediche.

Ti consigliamo come approfondimento – Regione Campania: arriva il voucher “rosa”, fino a 3000 euro per le donne

Femminicidio: cosa prevede il decreto?


Tramite Twitter, Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia, ha comunicato di aver firmato il nuovo decreto per gli orfani vittime di femminicidio. A beneficiarne saranno i figli minorenni e maggiorenni economicamente non autosufficienti della vittima di un omicidio commesso dal coniuge o dal partner di un’unione civile o da persona che è o è stata coinvolta in una relazione con la vittima. Gli orfani di crimini domestici potranno inoltre godere del patrocinio gratuito a prescindere dai limiti di reddito. Lo Stato si farà carico delle spese sia del processo penale sia di quello civile, compresi i procedimenti di esecuzione forzata.

Siamo i primi in Europa a dare una legge che tutela bambine e bambini, ragazze e ragazzi che sono stati sconvolti dell’uccisione della propria madre per mano del padre. Sono “orfani speciali”, 1600 circa dal 2000 al 2014 nel nostro Paese. Sono spettatori silenziosi di crimini barbari, crimini che contribuiscono a traumi sia di natura fisica che psicologica”, ha spiegato la senatrice del PD Francesca Pugliesi.

Ti consigliamo come approfondimento – Libere: tecnologie innovative contro la violenza sulle donne

Violenza sulle donne, dati di un dramma

femminicidioSiamo quasi “abituati” ad ascoltare ogni giorno la notizia che riporta di una donna uccisa dal compagno, amante o ex. Terribile il quadro che deriva dagli ultimi dati EURES. Nel 2018 l’incremento è stato dello 0,7% e si sono contate 142 vittime. Mentre gli omicidi calano di anno in anno, i femminicidi incrementano. Arrivano a essere il 38% degli omicidi commessi in Italia nel 2018. In particolare l’85% dei femminicidi avvengono in ambito familiare e nel 75% dei casi l’assassino è il compagno o marito. In aumento anche le denunce per stupri, stalking, maltrattamenti in famiglia.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza sulle donne: la fondazione Polis incontra Lucia Annibali

Opinioni politiche sul decreto

La notizia è stata apprezzata fin da subito dall’esponente del Partito Democratico Graziano Delrio e da Mara Carfagna, vicepresidente di Forza Italia. La vicepresidente si è subito congratulata affermando che finalmente, dopo continue lotte e sollecitazioni, le “coscienze” si sono smosse.

Il Decreto non ha però avuto vita facile. In Senato infatti ha subito il boicottaggio da parte della destra e in modo particolare da Forza Italia. La destra riteneva infatti che il decreto facesse riferimento “anche” ai figli delle Unioni Civili.
Fortunatamente, nonostante questi screzi, la maggioranza ha dato il via libera.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here