Efferato femminicidio a Napoli: la uccide con 12 coltellate. Marito confessa

0
356
femminicidio napoli

Femminicidio Napoli – il tragico epilogo di un’ennesima donna in questo 2021. Un uomo si è presentato a una stazione di polizia affermando di aver accoltellato la propria moglie. La donna non è deceduta sul colpo, ma solo più tardi, mentre era ricoverata in ospedale. Lui è in stato di fermo e verrà accusato di omicidio. Attualmente sono in corso delle indagini per far luce sul motivo che ha spinto l’uomo ad afferrare quella lama.

Ti consigliamo come approfondimento – Assistenza gratuita alle vittime di violenza sessuale: arriva la sentenza rivoluzionaria

Femminicidio Napoli: “Ho accoltellato mia moglie”

femminicidio napoliIl triste avvenimento è avvenuto questa notte, intorno alle quattro. Pinotto Iacomino ha sferrato più di dieci coltellate a sua moglie, Ornella Pinto, poco più giovane di lui. È poi fuggito via, arrivando sino a Terni, Umbria, dove ha confessato il misfatto alla centrale di polizia di Montegabbione. “Mi sono venuto a costituire. Ho ucciso mia moglie”, sono state le sue parole, biascicate intorno alle sette del mattino. L’assassino è ora sotto la custodia degli agenti. Sarà accusato di omicidio, ma prima la polizia dovrà indagare sulle cause dell’atto disumano. I due avevano un figlio minorenne.

Ti consigliamo come approfondimento – Rai fiction stupri: scoppia la polemica: “Basta con i finti stupri!”

Femminicidio Napoli: è la 14esima vittima dall’inizio del 2021

Le sono state inferte ben 12 coltellate. Ornella, raccogliendo le forze rimaste, ha telefonato alla propria sorella ed è stata tempestivamente trasportata al Cardarelli. Gli operatori del primo soccorso sono riusciti a tenerla in vita fino all’arrivo alla struttura ospedaliera. Lì Ornella è stata sottoposta a una delicata operazione da parte di una squadra di chirurghi, ma è stato inutile. È deceduta poco dopo, alle 10:15 di stamattina. A dare il triste annuncio è stato Giuseppe Longo, il direttore del reparto.

L’amara notizia ingrigisce il popolo. Tanta rabbia e tanto dolore per l’ennesima vita stroncata. La gente si stringe attorno alla famiglia e agli amici della vittima, facendo sentire il proprio calore attraverso messaggi di condoglianze sul web. L’urlo è comune, si chiede giustizia per questa donna e per tutte le altre, condannate allo stesso destino. Questo è il quattordicesimo femminicidio del 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

12 + 18 =