Femminicidio, la violenza infinita: e se il problema non fosse l’Italia?

0
420
femminicidio

Quasi quotidianamente i notiziari riportano fenomeni di femminicidio. Nonostante le numerose campagne di sensibilizzazione e le continue lotte per la parità di genere, il numero di donne vittime di violenza è sempre molto alto. Secondo i dati ISTAT, solo nel 2018 le donne vittime di omicidio volontario sono state 133, pari allo 0,43 ogni 100.000. Dati sconcertanti quelli che ci vengono posti, che devono far riflettere su quanto la società di oggi sia marcia. E non parliamo solo di quella italiana, anche se molti media tendono quasi a circoscrivere il problema a una arretratezza su alcune questioni sociali che viene considerata tipica del nostro paese.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza sulle donne: ecco come chiedere aiuto anche in quarantena

Femminicidio, tra le prime cause di morte per le donne

femminicdioIl femminicidio è la prima causa di morte per le donne dai 16 ai 44 anni, nel mondo. L’Italia non fa eccezione. Circa una donna su tre, infatti, ha subito una forma di violenza. Non si parla in effetti di solo omicidio – la forma più grave – ma anche di stalking, violenza psicologicaabusi fisici.

Sono circa 7 milioni le donne in Italia che hanno subito violenza:

  • Nel 62,7% dei casi di stupro si tratta di partner o ex partner;
  • Nel 76,8% dei casi di molestie sessuali si tratta di sconosciuti.
Ti consigliamo come approfondimento – Parità di genere: le leggi che hanno cambiato la vita delle donne italiane

Italia: i dati sul femminicidio

femminicidio
dalla sito ISTAT

Dalla comparazione dei dati ISTAT sugli omicidi, in un arco temporale di circa 25 anni (1992 – 2016), si evince che mentre gli omicidi di uomini sono notevolmente diminuiti, quelli delle donne sono rimasti invariati nel tempo. Un dato che, oltre a modificare il rapporto tra i sessi, indica come per le donne, in particolar modo in ambiente domestico e familiare, la situazione resti quasi invariata. Proprio l’ISTAT ha indicato che, nel 2018, nell’81,2% dei casi l’omicida era un conoscente molto vicino alla donna.

  • Nel 55% dei casi era il partner attuale o il precedente;
  • Nel 24,8% un familiare;
  • Nell’1,5% amici o colleghi.
Ti consigliamo come approfondimento – Who’s she? Donne eccezionali diventano tessere di un famoso gioco

Femminicidio: numeri dal mondo

femminicidioMa il femminicidio resta un problema mondiale. Nel 2018 circa 379 milioni di donne hanno dichiarato di aver subito violenza da parte del partner. Sconcertanti sono anche i dati registrati circa le violenze sessuali. Si stima, infatti, che nello stesso periodo circa 15 milioni di ragazze di età compresa tra i 15 e i 19 anni ne siano state vittima.

Aumentano anche le denunce di molte donne, supportate da diverse organizzazioni antiviolenza. Allo stesso tempo, però, in troppe restano nell’ombra e nella paura di dover affrontare il giudizio.

Ti consigliamo come approfondimento – Identità e differenza, il genere “si indossa”

Cambiamenti

rapporti sessuali cyberbullismo stalking violenza sulle donneNonostante le lotte per la parità di genere, le donne vivono ancora una situazione di forte svantaggio rispetto agli uomini, sotto diversi punti di vista. Basti pensare che solo nel 2013 è stata approvata la legge n.119 sul femminicidio.

Molte denunce restano tuttavia inascoltate ed è qui che entrano spesso in gioco i centri antiviolenza, in costante aumento. Si tratta di luoghi in cui vengono accolte le donne che hanno subito violenza, rifugi in cui è possibile intraprendere un percorso di liberazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattordici − tredici =