Ferrero pigliatutto: compra i biscotti Kellogg’s per 1,3 miliardi

0
18
ferrero

Ferrero pigliatutto, non solo monopolizzando le tavole degli italiani. La multinazionale di Alba, in provincia di Cuneo, e specializzata in dolci, fu fondata nel 1946 da Pietro Ferrero. Da allora, l’azienda è entrata a far parte dell’immaginario collettivo italiano, accompagnandoci in tutti questi anni, ampliando il proprio business e portando la sua qualità all’estero. (Leggi anche – Kinder presenta a Napoli la sua nuova linea di gelati: arrivano i “Salti di Gioia”)

FerreroFerrero piomba sul mercato americano e acquisisce la divisione biscotti di Kellogg’s

I rumors erano nell’aria da molte settimane e finalmente si sono concretizzati. La Ferrero ha finalizzato l’acquisizione del business dei biscotti, degli snack alla frutta, dei gelati e delle crostate da Kellogg Company per 1,3 miliardi di dollari, pari a 1,16 miliardi di euro. Nella nota del gruppo italiano si precisa che, nel dettaglio, si rilevano:

  • i biscotti a marchio KeeblerFamous Amos;
  • i marchi pensati per le famiglie a stelle e strisce, come Mother’sLittle Brownie Bakers;
  • i biscotti senza zucchero Murray;
  •  gli storici snack alla frutta Kellogg’s, come Stretch Island e Fruity;
  • infine la divisione dei coni gelato e delle crostate con Keebler’s.

Questi prodotti hanno fatturato l’anno scorso 900 milioni di dollari.

Leggi anche: Willy Wonka da oggi parla italiano: Illycaffè ha acquistato la sua fabbrica

Ferrero: non solo Kellogg’s

Ferrero

Quest’operazione economica e finanziaria di Ferrero riprende quella dell’anno scorso, quando è stata acquistata la divisione dolciaria Nestlè per il mercato americano per circa 3 miliardi di dollari. L’acquisto appena effettuato, inoltre, comprende sei stabilimenti di produzione statunitensi, rispettivamente ad Allyn (Washington), Florence e Louisville (Kentucky), Augusta (Georgia) e due a Chicago. Il deal comprende, inoltre,un impianto di produzione in affitto a Baltimora (Maryland). E voi, curiosi di conoscere gli effetti di questa gustosa “fusione”? Chissà se arriveranno anche in Italia alcuni di questi marchi a stelle e strisce.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here