Figlia violentata, l’uomo era già ai domiciliari per abuso sui minori

0
548
Figlia violentata

Figlia violentata a Ravenna. L’uomo era già ai domiciliari dopo aver abusato della fidanzata 14enne del figlio. Ha approfittato dell’assenza della madre per compiere lo stupro. Decisiva la segnalazione alle autorità della psicoterapeuta della bambina. Durante l’interrogatorio l’uomo, crollato in lacrime, ha ammesso il reato.

Ti consigliamo come approfondimento – Ragazza picchiata e stuprata viene abbandonata in autostrada: arrestato 35enne

Figlia violentata, uomo cinquantenne confessa il reato

Viterbo quattordicenne frustata, milano violenze capodanno, roma pugile balcone, Figlia violentataL’uomo è un cinquantenne di Ravenna. Si trovava già ai domiciliari per una violenza sessuale ai danni della fidanzatina 14enne del figlio. Mentre sua moglie non c’era l’uomo ha approfittato anche della figlia 11enne. Si parla di un totale di 4 anni di abusi prima che l’uomo andasse in galera per la prima vicenda. L’accusato attraverso dichiarazioni spontanee ha confessato il reato ed è tornato in carcere a Forlì. L’uomo stava già scontando 9 anni di pena per gli abusi alla fidanzatina del figlio. Le indagini su questa prima vicenda riportano che la 14enne è stata avvicinata dall’uomo. Si sarebbe offerto per dar consigli sul sesso alla coppia. I fatti riguardanti la figlia invece sarebbero emersi in un secondo momento.

Ti consigliamo come approfondimento – Stupro ragazza Palermo, il video della violenza è il più cercato su Telegram

Chi ha sollecitato l’intervento delle autorità?

pedopornografia chat whatsapp, Figlia violentata Se questa triste vicenda è venuta a galla è solo perché l’11enne si è rivolta a una psicoterapeuta per superare il trauma causato da suo padre. La specialista ha segnalato i fatti alle autorità e sono scattate le indagini della squadra Mobile ravennate. Ciò che questa seconda indagine sull’uomo ha fatto emergere è che inizialmente in famiglia tutti pensavano che l’uomo fosse innocente per il caso della 14enne. La figlia 11enne tuttavia non era a conoscenza del perché suo padre fosse ai domiciliari, sarebbe stata una zia a rivelarglielo. La bambina inizialmente aveva parlato degli abusi subiti con il fratello ed infine anche con la madre. La donna quindi solo a quel punto avrebbe chiesto conto dei comportamenti di suo marito. L’uomo alla fine della vicenda ha confessato i suoi reati crollando in un pianto disperato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

13 − tre =