Filippo Turetta, scomparso con l’ex fidanzata Giulia Cecchettin, è indagato per il reato di tentato omicidio

0
319
Filippo Turetta indagato
Dal profilo Instagram del presidente del Veneto Zaia

Filippo Turetta indagato: il ragazzo scomparso insieme alla fidanzata è stato iscritto nel registro degli indagati per il reato di tentato omicidio. L’avviso è arrivato dalla Procura di Venezia. Le ricerche dei due ragazzi scomparsi continuano. Il padre della ragazza fa un appello.

Ti consigliamo come approfondimento-Ex fidanzati scomparsi, dispositivi elettronici ricostruiscono l’intero itinerario della macchina

Filippo Turetta indagato per il reato di tentato omicidio

Ex fidanzati scomparsi
Dal profilo Instagram del presidente Zaia

Filippo Turetta è stato iscritto nel registro degli indagati per il reato di tentato omicidio. Lo comunica la procura di Venezia in una nota, nell’ambito dell’indagine avviata a seguito della denuncia sulla scomparsa dello stesso Turetta e di Giulia Cecchettin. L’iscrizione del ragazzo nel registro degli indagati, spiega la procura veneziana, è “anche a sua garanzia al fine di consentire le necessarie attivita’ irripetibili”. Come previsto sono riprese questa mattina in Alta Val Pusteria in Alto Adige le ricerche dei due studenti di ingegneria dell’Università di Padova, Giulia Cecchettin di Vigonovo e Filippo Turetta di Torreglia, entrambi 22 anni, scomparsi da sabato scorso, il giorno dell’ultimo avvistamento. Le ricerche da parte degli uomini del Soccorso alpino di Sesto Pusteria sono concentrate in Val Fiscalina, località nota a Filippo per la sua passione per la montagna. La Val Fiscalina e’ uno dei luoghi di accesso alle Tre Cime di Lavaredo.

Ti consigliamo come approfondimento-Giulia e Filippo scomparsi: targa macchina avvistata al confine con l’Austria

Filippo Turetta indagato: ricerche in corso

guardia finanza forze armateIl focus è cercare di individuare la Fiat Punto nera targata FA015YE di Filippo Turetta. Tutte le piste sono aperte e non è escluso che i due ex fidanzati siano transitati per l’Alto Adige e poi recarsi nella vicina Austria. Altre ricerche sono in corso nei territori dei comuni di Sesto, San Candido e Dobbiaco.  Dopo i controlli dei fiumi le Forze dell’Ordine sono impegnati a scandagliare da questa mattina il lago di Barcis (Pordenone). Da quanto si apprende, la località non è stata scelta in base a elementi precisi. Infatti, si trova lungo la direttrice che l’auto ha seguito nella notte tra sabato e domenica. I dispositivi di lettura targhe l’hanno immortalata lungo la strada pedemontana a Caneva. Quindi avvistata a Polcenigo e successivamente, in maniera del tutto sorprendente, nella stazione turistica del Piancavallo.

Considerato che la “fotografia” successiva è stata scattata all’uscita delle gallerie tra Erto e Casso e Longarone (Belluno), non lontano dalla diga del Vajont, le ricerche si concentrano oggi sul lago di Barcis, località dove il veicolo è obbligatoriamente transitato.

Ti consigliamo come approfondimento-Ragazzo disabile picchiato, violentato e urinato addosso dai compagni di scuola

Filippo Turetta indagato: appello del padre

Ha parlato il papà di Giulia Cecchetin rivolto all’ex fidanzato Filippo Turetta. L’uomo ha detto: “So che Giulia è trattenuta contro la sua volontà perché non starebbe mai così tanto tempo senza dare notizie di sé. Dico: ritorna, riportarci Giulia, fatti vedere, fermati. Non ti giudichiamo ma è il momento di fermarsi e parlare assieme. Secondo me il ragazzo è spaventato, forse non sa cosa fare. Di sicuro si sa muovere nel territorio. Forse si è nascosto. Se ci senti anche solo facci sentire la voce di Giulia, anche questo potrebbe essere un speranza perché i giorni sono tanti ed è estenuante, le forze vengono meno per noi familiari”.

È intervenuto anche l’avvocato Stefano Tigani, il legale che sta assistendo la famiglia di Giulia Cecchettin. Questi ha detto: “ Non ci sono aggiornamenti, attendiamo fiduciosi nella speranza di qualche notizia perché la situazione è snervante e preoccupante. Ma l’ipotesi che ci possa esserci un lieto fine non è abbandonata quindi attendiamo. Ci sono ricerche davvero a tappeto, c’è un impegno straordinario quindi attendiamo fiduciosi”.