Arresto shock: Vigili aggrediscono ambulante di colore con braccia sulla gola

0
145
trans arresto droga, strage funivia eitan

Ancora violenza da parte delle forze dell’ordine. Questa volta a Firenze, sul Lungarno. Un venditore ambulante è stato accerchiato e atterrato dai vigili. Uno con un braccio attorno al collo del fermato, un altro gli si è seduto sopra. Tutta la scena è stata ripresa. Negli ultimi giorni si è scatenata la polemica, fino all’attivazione del ministro degli esteri.

Ti consigliamo come approfondimento – Giornalista interrompe tg russo per protestare: scomparsa dopo l’arresto

Firenze arresto: la dinamica shock

napoli tabaccaio arrestato, laura ziliani figlie arrestate, Bari reddito cittadinanza,, firenze arrestoFirenze, martedì 5 aprile. Un ambulante cerca di vendere i “suoi” prodotti in Lungarno Acciaiuoli. È un abusivo, in pieno centro della “Firenze da bere”. Pare che il giovane abbia infastidito, almeno così ricostruisce la municipale, alcuni clienti di un noto bar. Ecco l’intervento dei vigili.

Un agente in borghese si avvicina al ragazzo e lo prende con un braccio attorno alla gola. Un altro lo placca per atterrarlo. Una volta in terra, uno dei due agenti si siede su di lui. Il giovane, dimenandosi, avrebbe a un certo punto avuto la bava alla bocca e avrebbe sputato anche sangue.

Questi atteggiamenti degli agenti in borghese del reparto antidegrado della municipale non sono passati inosservati. Diversi passanti si sono fermati, un paio hanno iniziato a riprendere la scena, poi postata sui social. Nei video si sentono le voci dei passanti che dicevano “Lasciatelo stare”. Uno di quelli che hanno ripreso la scena si sono messi a urlare: “Che si abbozza di strozzarlo? Gli sta uscendo la bava dalla bocca!”.

I video, finiti sui social, hanno fatto il giro del web. E la polemica ha iniziato a divampare negli ultimi giorni, finendo sui rotocalchi fino ad oggi.

Ti consigliamo come approfondimento – Poliziotto prende a calci un 23enne: “Se ti scusi ti ammazzo”.

Firenze arresto: il comune e l’avvocato

firenze arrestoPer cercare di sedare le polemiche è intervenuto direttamente il comune. Da Palazzo Vecchio, infatti, è stata difesa l’operazione condotta dalla municipale. Con una nota stampa, il comune ha chiarito che l’ambulante si sarebbe rifiutato di dare le sue generalità e di consegnare la merce agli agenti, i quali per l’operazione avrebbero ottenuto 3 e 5 giorni di prognosi. “Non risulta invece nessun accesso al pronto soccorso per il fermato”, informano dal Comune. Denunciato per lesioni e resistenza, in Casermaha dimostrato condizioni psicofisiche ottimali, e ha chiesto scusa per il suo comportamento”.

Ma la polemica non si seda. Intanto, molti sono i dubbi sul fatto che siano state chieste le generalità qualificandosi. Ma molti di più sono i dubbi sulla regolarità, legittimità e legalità dell’operazione. L’avvocato Cosimo Magazzini, chiamato in causa dagli autori dei video, sta già predisponendo un esposto alla procura. “Vogliamo verificare se il comportamento dei due agenti sia o meno penalmente rilevante”, spiega il togato. “Non sappiamo da cosa sia scaturito tutto questo, chiederemo alla procura di indagare” osserva.

Ti consigliamo come approfondimento – Finti carabinieri truffano donna anziana: bottino di oltre 3000 euro

Firenze arresto: il consigliere e il ministro degli esteri

rapinatori rolex, strage ardea, firenze arrestoNon solo le parti in causa, però, si lamentano. Anche la politica cittadina si attiva. L’ex candidata sindaca Antonella Bundu ha affidato il suo sdegno ai social. “Questo arresto, con metodi ingiustificabili, da parte di agenti in borghese è avvenuto pochi giorni fa a Firenze, a due passi da Ponte Vecchio”, scrive. Unitamente allo sdegno, Antonella Bundu conferma anche la presentazione di un’istanza per chiedere “spiegazioni in aula all’assessora competente”.

Ma le polemiche sono diventate internazionali. L’arresto del giovane, cittadino senegalese, ha provocato un piccolo incidente diplomatico tra il capoluogo toscano e il Senegal. Il ministro degli esteri senegalese ha infatti invitato l’ambasciatore a recarsi da Roma a Firenze per chiedere che “sia fatta luce sull’accaduto“. Non mancano critiche all’operato, definito “atto di inqualificabile crudeltà“, come si legge nella missiva diplomatica. L’auspicio del governo senegalese è che gli agenti della municipale “siano portati davanti alla giustizia” per un “trattamento razzista, inumano e degradante“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due + nove =