Napoli, flash mob della mutanda: commercianti in piazza contro le chiusure

0
104
flash mob mutanda
Dalla pagina Facebook di Federmoda Campania

Flash mob mutanda. A Napoli in queste ore l’irriverente protesta dei commercianti del settore moda, fiaccati da mesi di chiusura. Astio contro chi vende biancheria intima e può rimanere aperto: “Da oggi vendiamo mutande!”

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, protesta parrucchieri. Confesercenti: “Ricevuti solo 4200 euro!”

Flash mob mutanda: i commercianti sono disperati

napoli protesta ristoratori, flash mob mutanda

Negozianti e commessi napoletani con indumenti intimi in mano. È l’ennesimo (goliardico) grido di allarme di una categoria – quella dei commercianti – fiaccata da troppi mesi di chiusura e ristori insufficienti. Un flash mob pacifico e irriverente quello organizzato da Confcommercio Napoli e Federmoda questa mattina alle ore 12:00. In 150 si sono ritrovati in strada a sventolare mutande in protesta contro un’altra settimana di zona rossa. La protesta è stata perlopiù rosa: pochissimi infatti i maschietti partecipanti.

La scelta dell’indumento intimo non è stata casuale. Secondo il DPCM in vigore, i negozi di abbigliamento e scarpe devono restare chiusi, mentre quelli che vendono biancheria intima possono rimanere aperti. “Perché le mutande non fanno venire il Covid, mentre vestiti, scarpe e gioielli sì!” È stato questo lo slogan più in voga tra i manifestanti.

Ti consigliamo come approfondimento – Proteste a Salerno: i commercianti annunciano: “Dal 7 aprile riapriremo”

Il settore della moda piagato dalla crisi sanitaria

flash mob mutandaIl settore della moda è uno di quelli maggiormente colpiti dalle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria. La notizia di una nuova settimana in regime di zona rossa per la Campania ha fatto adirare non poco i commercianti, ormai esasperati. “Scendiamo in piazza” spiega Roberta Bacarelli, presidente di Federmoda. “Lo facciamo a nostro modo, con una protesta garbata che faccia capire a chi di dovere che non siamo noi gli untori. Perpetuiamo con la mutanda che è diventato il nostro simbolo di protesta“.

Durante la protesta, una catena umana che rispetta le norme di distanziamento sociale anti-Covid. Fra una mano e l’altra, infatti, una mutanda ad allungare la distanza interpersonale, ma al tempo stesso a fare da anello di congiunzione tra le persone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × uno =