Shock, veterinario condannato: abusi sessuali su cani e pedopornografia

0
210
Florida veterinario sesso cani

Florida veterinario sesso cani è stato condanno a più di 20 anni di carcere. L’uomo in questione, Prentiss K. Madden, è un veterinario 40enne di Aventura, in Florida, che ha prodotto una serie di video che ritraggono se stesso mentre faceva sesso con cani. L’uomo, secondo i pubblici ministeri, li avrebbe poi condivisi nelle chat online. Il 40enne è stato anche accusato di detenere numerose immagini pedopornografiche e di averle archiviate sul suo smartphone.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, violenza shock: trentenne lancia il cane dal balcone. Denunciato

Florida veterinario sesso cani: arriva la sentenza

Florida veterinario sesso caniIl veterinario Prentiss K. Madden, in aula, ha confermato i capi d’accusa che gli sono stati rivolti dai pubblici ministeri e si è dichiarato colpevole per pedopornografia, schiacciamento e tortura di animali. In quest’ultima imputazione è incluso l’abuso sessuale che il 40enne ha loro imposto.
Pare, infatti, che l’uomo abbia girato una serie di video dove viene ritratto mentre ha dei rapporti sessuali con dei cani e che li abbia poi condivisi in rete con altre persone. I proprietari degli animali che erano pazienti di questo veterinario, alla notizia della condanna, sono rimasti sbigottiti affermando che “mai si sarebbe aspettati una cosa del genere”.

Confermata, quindi, la richiesta dei pubblici ministeri: 21 anni di carcere per lui, trascorsi i quali sarà sottoposto a 25 anni di libertà vigilata. Dovrà, inoltre, registrarsi in Florida come molestatore sessuale.

Ti consigliamo come approfondimento – Pedopornografia shock da Napoli fino in Canada: 7 denunce e 1 arresto

Il tentativo degli avvocati

napoli tabaccaio arrestato, laura ziliani figlie arrestate, Florida veterinario sesso caniGli avvocati del signor Madden hanno cercato in tutti i modi di ottenere una condanna più lieve; tentativo avanzato anche per via delle affermazioni che ha fatto il veterinario durante il processo. Il 40enne, infatti, ha detto di aver sofferto di problemi mentali a causa di una serie di abusi subiti dai genitori e da un amico di famiglia durante la sua infanzia. Tuttavia, né il giudice né l’accusa si sono fatti intenerire. Non gli è stata riconosciuta alcuna attenuante.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × 5 =