Focolaio alla stazione operativa del 118: 12 positivi. Erano tutti vaccinati

0
75
focolaio 118

Focolaio 118, nella stazione operativa di Palermo. La scoperta grazie ai tamponi di routine tra gli operatori. Erano tutti vaccinati con seconda dose. Contagiati anche alcuni familiari del 118. Nessuno al momento presenta sintomi gravi da richiedere l’ospedalizzazione. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Tangenziale di Napoli: pedaggio sospeso per chiusura della Galleria Vittoria

Focolaio 118: la scoperta nella stazione operativa 

minaccia 118 napoli, focolaio 118Sono 12 i dipendenti positivi della stazione centrale del 118 situata nella città di Palermo. Dopo i primi tamponi positivi sui primi operatori è scattato l’allarme. I 12 positivi sono al momento in quarantena domiciliare con alcuni dei parenti risultati anch’essi postivi. Le loro condizioni fisiche non destano al momento preoccupazione. Per nessuno dei positivi è stato infatti necessario il ricovero ospedaliero. Il direttore delle centrale operativa, Fabio Genco, dice che la situazione è sotto controllo. “Da tre giorni non ci sono più positivi e siamo speranzosi. I contagi sono stati tracciati grazie ai controlli di routine. I colleghi sono tutti asintomatici, qualcuno si è già negativizzato, per cui siamo abbastanza sereni.” 

Ti suggeriamo come approfondimento – Bolzano: studenti positivi dopo una settimana. Tre classi subito in Dad!

Focolaio 118: la denuncia del sindacato 

Test autodiagnosi Covid, focolaio 118 La stessa tranquillità non traspare però dal comunicato rilasciato da alcuni sindacalisti. Il segretario della Nursing Up, Giuseppe La Barbera, ha sottolinea la necessità della chiusura della struttura. La riduzione improvvisa del personale è un problema per la gestione della sala operativa.” La necessità è anche quella di sanificare al più presto i luoghi di lavoro infetti. “Il carico di lavoro è lo stesso ma le unità impegnate sono di meno. Questo potrebbe comportare anche la riduzione delle postazioni. Serve una costante sanificazione dei luoghi e il controllo costante del personale che è rimasto al lavoro. Poi anche un sierologico per verificare gli anticorpi presenti negli operatori tra i primi ad essere vaccinati.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − cinque =