Francesca Nanni a capo della Procura generale della Repubblica di Milano

0
423
Francesca Nanni
Francesca Nanni alla Corte d'appello.

Francesca Nanni è stata nominata nuovo procuratore generale di Milano. A deciderlo il Consiglio superiore della Magistratura. Un campo da sempre dominato dagli uomini, questa volta vede all’apice una donna. È la prima volta nella storia della magistratura del milanese. Una vittoria che si aggiunge a quella di Livia Pomodoro e Marina Tavassi.

Ti consigliamo come approfondimento – Nuovo Dpcm approvato in Consiglio dei Ministri: stasera la firma di Conte

Francesca Nanni, la prima donna a capo della magistratura milanese

Francesca Nanni
Fonte: Youtube

Eletta con il plenum del Csm, Francesca Nanni ha ricevuto 14 preferenze; mentre 8 sono state le votazioni a favore dell’altro candidato Fabio Napoleone, ex consigliere del Csm e attuale sostituto pg a Milano.
Un grande ruolo che viene ricoperto per la prima volta da una donna. La Nanni, 60 anni, originaria della Liguria, è in magistratura dal 1986. Nel 2010 ha già raggiunto un altro traguardo: la prima donna procuratore generale di Cuneo.
Ha iniziato come pubblico ministero a Sanremo, conducendo un’importante indagine sul sequestro di persona dell’imprenditore Claudio Marzocco, in Calabria. Nel ’92 è passata alla Procura di Genova, occupandosi di reati contro la pubblica amministrazione, mafia e terrorismo. Successivamente Pg di Cagliari e ora Milano.

Ti consigliamo come approfondimento – Movimento 5 Stelle, Di Battista: 4 deputati fuori dal Parlamento europeo

Francesca Nanni e le conquiste delle donne

Francesca NanniUna grande eredità da raccogliere. Francesca Nanni andrà a ricoprire il ruolo di un importante magistrato Francesco Saverio Borrelli, che diede inizio al pool Mani Pulite.
Dopo il pensionamento di Roberto Alfonso, la poltrona sarà occupata da una donna. A darle il benvenuto il presidente vicario del Tribunale Fabio Roia. La conquista di Nanni è una conquista per tutte le donne, tra i procuratori generali solo il 14% è rappresentato da donne. Ai direttivi 3 su 4 sono uomini, ma la maggioranza dei giudici, oggi, è donna. Una vittoria che ricorda quella di Livia Pomodoro, la prima donna presidente del Tribunale di Milano. Non solo, Marina Tavassi, prima donna presidente della Corte d’Appello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 2 =