Non si ferma all’alt, si schianta con l’auto e muore la fidanzata: trovato latitante grazie ai social

0
677
Roma stalker distrugge auto ex

Francesco Avolio latitante da 6 mesi è stato rintracciato a Napoli dai Carabinieri. Il 32enne era scappato da un controllo della Polizia causando un incidente d’auto in cui la fidanzata è morta. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Neonato si sveglia nel cuore della notte: finisce in come per lesioni da scuotimento

Francesco Avolio latitante: scappato da un posto di blocco 

automobilisti biglietti finestrini, Francesco avolio latitante L’uomo di 32 anni era già noto alle Forze dell’Ordine. Avolio residente a Secondigliano era da poco uscito dagli arresti domiciliari per precedenti legati alla droga. L’uomo si trovava a Castel Volturno a bordo della sua auto insieme alla sua compagna. I Carabinieri si trovavano ad un posto di blocca sulla strada principale e avrebbero richiesto un controllo di routine all’uomo. Il 32enne però ha evitato di fermarsi e da lì è iniziato l’inseguimento. L’uomo mentre viaggiava ad alta velocità si è schiantato con la macchina contro un muro. La schianto ha causato la morte sul colpo della fidanzata di 34 anni che si trovava in macchina con lui. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, l’anziano Vincenzo cerca lavoro come falegname: la pubblicità porta a porta commuove il web

Francesco Avolio latitante da 6 mesi 

vandali no vax auto, Conversano cane Bondo ucciso, Francesco avolio latitante Dopo i reati di cui era accusato per l’uomo era stato emesso un mandato di arresto per la detenzione di 8 anni e 9 mesi. Francesco Avolio però da circa 6 mesi non era più rintracciabile nella sua dimora e i Carabinieri hanno iniziato le indagini per trovarlo. 

Ti suggeriamo come approfondimento – De Luca attacca il Governo: “Al Sud abbiamo bisogno prima del Lavoro minimo”

Francesco Avolio latitante: il monitoraggio dei social network 

Francesco avolio latitante Le Forze dell’Ordine hanno rivelato che essenziale è stato il controllo dei social media di amici e parenti per capire dove l’uomo si nascondesse. Il cosiddetto web patrolling ha permessosi rintracciare il 32enne a Secondigliano. L’uomo questa volta si è fermato al posto di blocco e quando è stato riconosciuto dalle Forze dell’Ordine non ha opposto resistenza ed è stato scortato in caserma.