Shock, soldato dell’Isis fece morire di sete una bambina: condannato all’ergastolo!

0
324
Francoforte fece morire bambina

Francoforte fece morire bambina di sete: un ex miliziano del Daesh è stato riconosciuto colpevole di aver procurato la morte per disidratazione di una bimba yazida di 5 anni. L’uomo, come riporta il quotidiano online Palermo Live, la teneva incatenata sotto il sole per ore. L’infante era stata comprata dall’uomo e resa schiava insieme alla madre ed era stata portata presso la sua famiglia a Fallujah, in Iraq, nel 2015.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza brutale, uomo massacrato a bastonate perché ha difenso l’amica da uno stalker!

Francoforte fece morire bambina di sete: il racconto della madre

Francoforte fece morire bambinaÈ arrivata alla fine la condanna all’ergastolo. Condanna che è arrivata dopo una lunga storia processuale; ed è proprio dalle carte processuali che emerge la drammatica storia di madre e figlia. La donna di origini yazidi, insieme alla figlia, è stata comprata al mercato degli schiavi nel 2015. Venduta come oggetto sessuale e violentata più e più volte, è stata condotta dall’uomo presso la sua famiglia a Fallujah. Le costrinse a vivere secondo i più rigidi dettami islamici, dando loro cibo insufficiente e picchiandole regolarmente per punirle.

Stando sempre al racconto dell’accusa, l’ex miliziano aveva punito la bambina perché rea di aver fatto pipì nel letto, sporcando il materasso. L’uomo, non contento della “punizione” che le ha impartito, l’ha incatenata a una finestra; All’esterno della casa la temperatura era di 50°! La bimba non ce l’ha fatta: è morta dopo atroci sofferenze.

Ti consigliamo come approfondimento – Omicidio choc: uccide l’amica incinta e tenta di rapire il feto: condannata

La decisione del tribunale

consiglio di stato, concorso cancellieri esperti, riforma giustizia processo penale, Francoforte fece morire bambinaAlla fine, la condanna per Taha al-Jumailly è arrivata: è stato riconosciuto colpevole di genocidio, crimini contro l’umanità (che hanno causato anche la morte) e crimini di guerra. L’ex miliziano iracheno dovrà pagare anche 50mila euro alla madre che aveva preso parte al processo come co-querelante. Arrivato in Germania nel 2019 travestito da profugo, Taha sperava di poter nascondere il suo passato da miliziano e ci che aveva commesso, ma non ci è riuscito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sedici − 3 =