Uomini, la rottura più grande: come curare la frattura del pene

0
308
frattura del pene

Durante il sesso possono verificarsi degli incidenti, spesso molto gravi e spiacevoli. Tra questi c’è la frattura del pene, anche chiamata sindrome del chiodo piegato. Questa è dovuta a un colpo violento verificatosi durante l’erezione. Ma quali sono le posizioni che potrebbero causarla e come evitare danni?

Ti consigliamo come approfondimento – Sesso, anche dopo i 50 non è un tabù

Lesione corpo cavernoso: ecco cos’è la frattura del pene

frattura del peneLa frattura del pene può verificarsi sia durante un rapporto sessuale sia durante una masturbazione. Non deve obbligatoriamente trattarsi di un rapporto focoso, anzi. Stando a diversi studi scientifici, infatti, anche le posizioni classiche possono portare a qualche problemino.

Non si tratta di un problema raro e accorgersene è molto semplice. L’uomo, infatti, avverte un dolore intenso e subito dopo si può notare la comparsa di un ematoma. La frattura del pene è, infatti, la lesione della tunica albuginea. Si tratta della guaina di tessuto che permette al pene di aumentare in larghezza e in lunghezza. Non è un problema tra l’altro da sottovalutare. Se si verifica una frattura del genere, è necessario recarsi in ospedale il prima possibile. Un ritardo potrebbe portare a danni permanenti, come:

  • Deformità del pene;
  • Disfunzione erettile;
  • Dolori frequenti durante il rapporto sessuale;
  • Danni all’uretra.
Ti consigliamo come approfondimento – Sapiosessualità: quando il QI attrae, l’amore risponde

Frattura del pene: le posizioni “pericolose”

frattura del peneIl pene è un organo molto fragile. Durante i rapporti, infatti, bisogna fare attenzione e prendersene cura. Potrebbe sorprendere ma tra le posizioni durante le quali si è verificata una frattura all’organo maschile ci sono:

  • Missionario, che vede la donna sotto. Una posizione classica, che si posiziona seconda;
  • Pecorina. Non tanto la posizione, ma con l’aumentare delle spinte, potrebbe capitare che il pene possa battere contro parti più dure come ad esempio il bacino e di conseguenza fratturarsi;
  • Amazzone. L’uomo in questo caso è disteso a gambe chiuse, mentre la donna si siede su di lui, mettendosi a cavalcioni. Una posizione apprezzatissima dalle donne, che però può portare, nel caso di un minimo margine d’errore, a dolorose conseguenze.
Ti consigliamo come approfondimento – Priapismo da Covid: 4 ore in erezione a un paziente francese

Trattamento e prognosi post frattura

frattura del peneSe non si agisce tempestivamente, la frattura può portare a problemi permanenti. La soluzione è spesso un intervento chirurgico che consiste nell’esportazione del tessuto danneggiato. Più precoce è il trattamento, migliori saranno i risultati anche in termini di ospedalizzazione. Post intervento, però, il paziente deve astenersi dai rapporti sessuali per almeno sei settimane ed essere rivalutato a tre mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due + 12 =