Fucarone di Sant’Antuono: le origini della festa di Sant’Antonio Abate

0
641
Fucarone

Il 17 gennaio si celebra Sant’Antonio Abate, Sant’Antuono per il popolo devoto del Sud, che l’omaggia con il tipico Fucarone. Non va confuso con il santo patrono di Padova, che invece si festeggia il 13 giugno. Il giorno di Sant’Antonio Abate unisce fede, storia, leggenda e scaramanzia. Tante e diverse sono le usanze e le tradizioni che caratterizzano questo evento, dall’accensione del tipico falò alla benedizione degli animali.

Ti consigliamo questo approfondimento – San Gennaro: “Faccia ‘ngialluta”, storia e miracoli del Patrono di Napoli

Sant’Antonio Abate: il porcaro eremita

FucaroneAntonio Abate è un santo di origini egiziane, vissuto nel IV secolo d.C. A lui si deve l’inizio del “monachesimo cristiano”, ossia della scelta di passare la vita in solitudine per ricercare una comunione più profonda con Dio. Prima di diventare un eremita cristiano, il santo era un porcaro benestante. La sua figura assume quindi anche tratti molto popolari.

È il patrono dei macellai, dei contadini e degli allevatori ed è il protettore degli animali domestici. Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle, ponendoli sotto la sua protezione. È raffigurato sempre in compagnia di un maiale. Questo, forse, perché i monaci antoniani erano soliti preparare con il grasso di maiale degli unguenti emollienti da spalmare sulle piaghe.

La tradizione vuole che fosse anche un taumaturgo, capace di guarire le malattie più tremende. Si dice inoltre che se invocato aiuti a ritrovare le cose perdute.

Ti consigliamo questo approfondimento – Epifania: la Befana a Napoli tra fede religiosa e tradizione popolare

Sant’Antonio Abate: la leggenda del fuoco

FucaroneAlla figura del santo è spesso associato il simbolo del fuoco. Il motivo è spiegato da una leggenda popolare, riportata anche in Fiabe Italiane di Italo Calvino.

La storia risale al tempo in cui gli uomini non conoscevano il fuoco. Pativano il freddo e il disagio di dover mangiare cibo crudo. Invocarono, allora, Sant’Antonio Abate, che decise di scendere all’inferno per recuperare il fuoco e distribuirlo sulla Terra.

Il santo si recò negli inferi in compagnia di un maialino. L’animale cominciò subito a creare scompiglio tra i diavoli. Nel trambusto, il bastone di legno di ferula di Sant’Antonio finì nel fuoco. Il legno di ferula è dotato di un midollo spugnoso che continua a bruciare internamente anche se il fuoco all’esterno si spegne. Pertanto, quando i diavoli, ignari, restituirono il bastone al santo, implorandolo di andare via col suo maialino, gli donarono anche il fuoco. Sant’Antonio, tornato sulla terra, distribuì il fuoco a tutti gli uomini come un Prometeo cristiano.

Ti consigliamo questo approfondimento – Capodanno: la notte di San Silvestro tra storia e leggenda

Fucarone: il fuoco di Sant’Antonio

FucaroneLa notte del 17 gennaio, in molte città italiane, vengono realizzati dei grandi falò in onore del santo. A Napoli si parla di FucaroneFucarazzo o Cippo di Sant’Antuono.

Si tratta di grandi cataste di legno che vengono incendiate insieme a mobili e oggetti vecchi. Al di là dell’atavica potenza purificatrice del fuoco, si ritiene di buon augurio bruciare le cose vecchie per accogliere quelle nuove dell’anno entrante. Un’antica canzone, intonata da Concetta Barra, testimonia questa credenza. “Sant’Antuono, Sant’Antuono, tecchete ‘o viecchio e dacce ‘o nuovo!” ovvero “Sant’Antonio, Sant’Antonio, prendi il vecchio e dacci il nuovo!”.

Ancora oggi, in alcuni Paesi, si balla, si canta, si mangia e si brinda attorno al fuoco per scacciare il passato e la negatività e accogliere il futuro con gioiosa energia positiva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here