Canelo, il gatto disabile che fa pet terapy con i conigli per riprendersi

0
656
Gatto disabile riabilitazione conigli

Gatto disabile riabilitazione conigli: un gatto con le gambe posteriori paralizzate svolge riabilitazione con i conigli. La storia di Canelo, il gatto disabile, proviene dagli Stati Uniti, per la precisione dallo Utah. Il gattino non presenta lesioni e quindi si pensa si tratti di un problema neurologico.

Ti consigliamo come approfondimento-Caso Emanuela Orlandi, riapre l’inchiesta. Il fratello Pietro 8 ore in Vaticano: “Fatti nomi e cognomi”

Gatto disabile riabilitazione conigli: resilienza animale

spagna divorzio animali,Ecco una storia di resilienza dal mondo animale. Infatti, Canelo è un gatto disabile, in quanto ha le zampe posteriori paralizzate. La sua disabilità non gli impedisce di essere vispo, attivo, curioso. Da quando ha sei settimane è ospitato dal Best Friends Animal Sanctuary di Kanab, negli Stati Uniti. Alcuni operatori raccontano che vuole sempre giocare. Il gattino si muove, però, trascinandosi con le zampe anteriori. Durante le sedute di terapia laser, Canelo è stato messo in riabilitazione, nello Utah. Qui vive insieme ad un gruppo di insoliti amici: dei simpatici conigli. Il gattino si sta riprendendo bene ed è in attesa che una famiglia si presenti per adottarlo. Al suo arrivo Canelo non presentava lesioni o anomalie scheletriche. Secondo alcuni veterinari si potrebbe trattare di un problema neurologico causato da qualche evento traumatico.

Ti consigliamo come approfondimento-Runner aggredito e ucciso da un orso: la famiglia denuncia lo Stato

Gatto disabile riabilitazione conigli: fase riabilitativa

superstizioniLa sua fase riabilitativa è iniziata con l’agopuntura per stimolare il suo sistema nervoso. I veterinari speravano che si potesse far ottenere al gatto la sensibilità e la mobilità alla sua estremità posteriore. In seguito, si è deciso di metterlo in contatto con i suoi nuovi amici.  Il rifugio ha condiviso le immagini del gatto che si accoccola con i vari coniglietti. Canelo saltella sulle sue due zampe funzionanti, in modo simile ai conigli. Ora ha circa cinque mesi e i responsabili del rifugio dicono che sta diventando più forte ogni giorno.  In un post sul blog del rifugio un operatrice scrive: “Penso che i conigli riconoscano che ha bisogni speciali. Non hanno paura di lui. Mettono in scena un fantastico spettacolo di wrestling”.

Per stimolare la sua adozione si legge, inoltre: “Ti divertirai così tanto quando lo porterai a casa. Canelo è incontinente e con un leggero problema di mobilità. Ma questo non gli impedisce di essere una superstar!’.

Ti consigliamo come approfondimento-Maestra dà i compiti per le vacanze di Pasqua: “Leggere, divertirsi, fare qualcosa di bello”

Gatto disabile riabilitazione conigli: riabilitazione animali

Riabilitazione significa letteralmente “tornare al funzionamento precedente”. Il gatto viene allenato per adattarsi nuovamente a svolgere una vita normale. La riabilitazione è anche molto importante quando le lesioni del gatto non possono essere curate chirurgicamente: una riabilitazione adeguata può ripristinare la funzionalità muscolare o scheletrica. Sugli animali domestici si effettuano interventi chirurgici sempre più complessi. Per questo motivo la richiesta e la necessità di riabilitazione e cure post-operatorie è in continua crescita. La riabilitazione comprende una gamma di servizi molto vari, dalle informazioni sui diversi metodi di allenamento a esami pratici ed esercizi con il gatto. Spesso si crea un piano di riabilitazione personalizzato. Durante la visita fisiatrica si valutano i progressi dell’animale e si offre un piano di allenamento. Il trattamento spesso si estende su diversi mesi con monitoraggio continuo, finché il gatto ha recuperato una funzione ottimale sulla base della sua condizione.